Avellino

Avellino, le dichiarazioni dell’on. Generoso Maraia

Avellino, le elezioni comunali un’occasione da cogliere per l’on. Generoso Maraia

Queste le parole dell’on. Generoso Maraia all’approssimarsi delle elezioni comunali nella città capoluogo irpina: «Il prossimo 10 Giugno i cittadini di Avellino sono chiamati a scegliere se continuare a vivere in una città che non offre servizi per i disabili, che nasconde l’amianto nei cassetti degli uffici amministrativi, che non ha, a distanza di quasi 40 anni dal terremoto, scuole per far studiare in sicurezza i propri figli, una Città che non ha una sala idonea per celebrare il processo a carico di chi ha amministrato l’affare Isochimica. Una città che non riesce ad assicurare i livelli minimi di assistenza a propri malati, dove bisogna raccomandarsi o corrompere qualcuno se si vuole accedere alle cure salvavita come la Radioterapia e che non riesce a garantire e far rispettare i Diritti elementari, non è solo una città dove si vive male, è una città senza futuro.

Gli amministratori del passato ci consegnano in eredità questo quadro desolante di fronte al quale i giovani scappano, producendo come ultimo risultato lo spopolamento, la riduzione delle giovani energie e quindi l’arretramento di tutti i settori economici. La crisi economica e il peggioramento della qualità di vita fanno parte di un circolo vizioso che ha origine nella cattiva amministrazione del denaro pubblico e delle risorse locali. I cittadini e le cittadine di Avellino, se lo vogliono, il 10 Giugno avranno l’occasione di interrompere il malgoverno della città, riconsegnando il futuro di Avellino alle persone di buona volontà che, senza perseguire fini personali, saranno liberi di dare il proprio contributo alla crescita comune senza paura di ritorsioni da parte dei vecchi capi bastone.

Giustamente per strada e nei bar, molti condannano gli sprechi e le ruberie della politica, questa lamentela, però, non serve, non produce alcun cambiamento. Occorre utilizzare l’ultima arma a nostra disposizione: il voto. Nel segreto e nel silenzio dell’urna elettorale si può esprimere il dissenso e allo stesso tempo si può scegliere un futuro migliore per la propria città.

Grazie alla presenza della lista civica del MoVimento 5 Stelle, grazie al candidato a Sindaco Vincenzo Ciampi e ai candidati consiglieri che lo sostengono, gli avellinesi il 10 giugno possono scegliere un nuovo modo di gestire la città, le sue risorse ed opportunità di sviluppo e lavoro.

Un’occasione che i cittadini di Avellino devono cogliere se vogliono rendere giustizia ai tanti disabili, famiglie e lavoratori che dalla sera alla mattina si sono trovati in mezzo ad una strada a causa degli affari che i vecchi politicanti hanno fatto per decenni sulle sciagure dei propri concittadini. Mi riferisco al caso AIAS che è solo la punta dell’Iceberg di mazzette e corruzione che guidano le scelte fatte in Sanità come negli altri settori della vita pubblica.

A partire dal prossimo lunedì e nel corso della settimana pubblicherò tutti i dati emersi da un mio recente studio sul Piano Ospedaliero Regionale, informazioni che i politici a capo di Regione, Comune e Asl di Avellino non hanno mai fornito ai propri cittadini per tenerli all’oscuro del grande affare perpetrato per decenni ai danni di tutti coloro i quali hanno bisogno di cure e assistenza.

Lo scorso 4 Marzo, con l’elezione di ben 5 parlamentari del M5S nella sola Provincia di Avellino, il cambiamento in Irpinia lo si può toccare con mano se si considera la nostra assidua presenza sul territorio e il nostro intervento in ogni richiesta di aiuto o sostegno.

Avellino, se sceglierà di credere in questo cambiamento e voterà la lista del M5S entrerà a far parte della più grande forza politica presente oggi in Italia e ne trarrà tutti i benefici necessari al suo rilancio economico e culturale».