Michele Liverini vicepresidente Assalzoo: delega a marketing e giovani

35

Michele Liverini è stato eletto vicepresidente nazionale di Assalzoo, Associazione Nazionale tra i Produttori di Alimenti Zootecnici.

Il consiglio direttivo è stato rinnovato a giugno per il triennio 2018-2021, con l’elezione a presidente di Marcello Veronesi. Vicepresidenti Sara Galletti, Piero Bighignoli e, appunto, Michele Liverini, amministratore delegato di Mangimi Liverini S.p.A.

Nel comitato di presidenza dello scorso 10 luglio a Bologna, invece, sono state attribuite le deleghe operative. A Michele Liverini è stato assegnato il settore del “marketing associativo e gruppo giovani Assalzoo”.

“La delega al gruppo giovani e al marketing associativo – dichiara Liverini – sono un importante banco di prova. Non solo per il sottoscritto, ma in particolare per il futuro della nostra associazione di categoria. Filiera zootecnica e mangimistica saranno al centro dell’attiva formativa e informativa di Assalzoo. Al contempo, favoriremo specifiche azioni di comunicazione a tutela dell’immagine e della reputazione dell’intero settore mangimistico italiano. In questa direzione – conclude -, dando merito alla governance precedente, si innesta il rinnovo del portale web di Assalzoo”.

Assalzoo è l’associazione di riferimento dell’Industria Mangimistica Italiana dal 1945. Attualmente, annovera oltre 100 aziende che rappresentano il 75% della produzione e commercializzazione degli alimenti per animali. Il volume è di oltre 14 milioni di tonnellate annue e 430 opifici industriali distribuiti su tutto il territorio nazionale con un fatturato complessivo che supera i 6 miliardi di euro.

Michele Liverini, componente della Giunta Assalzoo dal 2009, è nato a Sydney 52 anni fa.

Sin da piccolo è stato legato a due grandi passioni: la produzione di mangimi e l’automobilismo con la specialità del Rally.

Fanno storia le confezioni da kg.1 di mangime che all’età di 7 anni realizzava sottraendo piccole quantità di granturco, orzo e soia nel magazzino dell’azienda familiare. Aveva ricavato un minuscolo locale sotto le fondazioni dell’opificio in cui aveva costruito una tramoggia per miscelare i prodotti ed imbustarli in piccole confezioni. Dall’età scolastica ha sempre partecipato alla vita aziendale osservando il lavoro che veniva svolto. Ha iniziato a lavorare nella Mangimi Liverini nel settembre del 1990 e, da allora, ha gradualmente percorso i diversi livelli: carrellista, confezionatore, autista, operatore di produzione, vendita, responsabile di produzione. Fino ad arrivare a ricoprire i due ruoli strategici di Responsabile degli Acquisti e di Direttore Commerciale.

Nel 2017 il fatturato di Mangimi Liverini S.p.A. ha raggiunto quota 33,7 milioni di euro, con una produzione di circa 115.000 mila tonnellate annue. La vasta gamma di produzione, – avicoltura, bovini, ovini, suini, conigli, cavalli, bufali – è in continua crescita. Il mercato di riferimento è costituito dall’Italia centro-meridionale. I pilastri della mission aziendale sono certificazione e tracciabilità, continua formazione e consulenza, rispetto dell’ambiente e ricerca, dove innovazione tecnologica e investimenti si incontrano con sostenibilità ed etica.