Doppia aggressione, nigeriana arrestata a Benevento

57

Doppia aggressione in piena regola, quella di cui si è reso responsabile ieri sera una 27enne nigeriana.

Vittime del misfatto prima il custode notturno della Caritas diocesana e poi gli agenti della Polizia di Stato, intervenuti sul posto.

Tutto è accaduto ieri sera a Benevento presso la sede della Caritas di Benevento, che ospita dormitorio e mensa, dove la donna era arrivata in evidente stato di ebbrezza. Proprio per questa ragione, il custode si è rifiutato di farla accedere all’interno della struttura. La donna ha perciò dato in escandescenza, scagliandosi contro l’uomo. Questi ha perciò richiesto l’intervento della Polizia.

Sul posto sono arrivati gli uomini della Squadra Volante della Questura di Benevento, coordinati dal commissario capo Andrea Monaco. Gli agenti hanno tentato invano di calmare la nigeriana e di identificarla. Difatti, alla vista dei poliziotti la donna ha avuto una reazione violenta, aggredendoli con calci, morsi e graffi.

Con non poche difficoltà gli agenti sono riusciti a fermarla e condurla presso gli uffici della Questura di Benevento per ulteriori accertamenti. Tuttavia, nel corso delle verifiche, la donna ha proseguito nel suo atteggiamento, tentando invano di colpire con una testata uno degli agenti.

Riportata alla calma e sottoposta a ulteriori controlli da parte del personale della Polizia Scientifica, la responsabile di questa doppia aggressione, oltretutto in stato di ebbrezza, è risultata irregolare sul territorio nazionale e priva di documenti. È stata quindi tratta in arresto per il reato di resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale.

Anche il custode notturno della Caritas, che poco prima era stato aggredito dalla donna, si è recato presso gli uffici della Questura per sporgere denuncia a seguito di quanto accaduto.

Dopo le formalità di rito, su disposizione del Pubblico Ministero di turno, la 27enne è stata collocata presso una struttura di accoglienza cittadina in regime di arresti domiciliari.