Comunità Montana Ufita, Leone torna alla carica: Giunta fa disastri, urge verifica

119

VALLATA – Sembra non esserci pace per la Comunità Montana Ufita.

Prima l’annullamento degli atti per l’assunzione con ricorso ai Centri per l’impiego degli operai a tempo determinato (OTD) per gli interventi di forestazione dell’anno 2015, con conseguente chiamata diretta degli operai storici (così come fortemente sostenuto dal sindaco di Vallata, Giuseppe Leone). Poi l’accusa, da parte di Ariano in movimento, di aver utilizzato i fondi destinati al pagamento degli stipendi per saldare le parcelle legali.

L’ente guidato da Carmine Famiglietti torna nel mirino dell’amministrazione comunale di Vallata, che ha diramato un comunicato.

“Ancora polemiche per le scelte discutibili che la Comunità Montana Ufita continua a fare. Polemiche che però portano con loro danni talvolta gravi per i dipendenti della forestazione e per le loro famiglie.

Come dichiarato dallo stesso presidente in occasione dell’ultimo consiglio generale, la Regione Campania ha accreditato 1.755.000 euro per il pagamento dei salari agli operai per l’anno 2014. Nonostante la risorsa sembra sia stata accreditata sui conti della Comunità Montana dal 30/12/2015, gli atti per i pagamenti ai dipendenti non risulta siano stati ancora fatti.

Giuseppe Leone, sindaco di Vallata
Giuseppe Leone, sindaco di Vallata

Prima non c’erano i soldi e i dipendenti dovevano aspettare, adesso i soldi ci sono e dipendenti devono aspettare lo stesso. Come a dire agli assetati che non possono ancora bere, mostrandogli in faccia la bottiglia d’acqua. Cosa devono fare gli operai dell’Ente guidato da Famiglietti per ottenere ciò che spetta loro di diritto? La situazione è grave, come grave è la situazione di malessere che si avverte tra i dipendenti dell’Ente Montano e ciò avviene nonostante l’occhio benevolo della Regione Campania, che sta facendo di tutto per rimettere in sesto questi Enti, sbloccando milioni di euro, come mai prima era stato fatto.

Malcontento latente nonostante le professioni di miglioramento che continuamente vengono fatte dal Presidente e dai componenti della Giunta Esecutiva. Prova ne è ancora il fatto della discutibile scelta di procedere all’assunzione a tempo determinato di un nuovo capo della forestazione. La procedura concorsuale è ancora in itinere e già molte sono le circostanze obiettabili. Sembra che l’assunzione di nuove persone sia il chiodo fisso del Presidente.

In realtà sembra che sia giunta l’ora di procedere ad una seria verifica dell’attuale maggioranza della C.M. Ufita che nonostante il vento favorevole riesce comunque a far parlare di sé in negativo sia all’esterno che al suo interno. Sperando che, almeno questa volta, anche gli altri sindaci della Baronia e di tutto il circondario dell’Ente Montano si uniscano a questa battaglia a difesa delle famiglie di operai provenienti da 17 Comuni e non solo dal Comune di Vallata”.