Pietradefusi, cittadini e istituzioni dicono basta all’immigrazione forzata: Questione di dignità

93

di Elisa Giammarino

PIETRADEFUSI – Prende forma la protesta a Pietradefusi, e il tema, neanche a dirlo, è quello dell’immigrazione.

I cittadini, infatti, hanno dato il via a una raccolta di firme con la quale intendono chiedere una maggiore organizzazione nell’accoglienza. “Niente razzismo – dicono -, è dignità e decoro”. Già tempo fa il sindaco Belmonte aveva scritto al prefetto Carlo Sessa chiedendo uno stop all’arrivo di nuovi immigrati: la situazione rischiava di diventare ingestibile.

Ora, un comitato di Dentecane, frazione del comune di Pietradefusi, ha chiesto al prefetto l’allontanamento di alcuni immigrati che alloggiano in un appartamento privato nel centro del paese. Le firme verranno depositate in Prefettura nei prossimi giorni. Intanto, Belmonte è tentato dall’idea di un consiglio comunale allargato ai sindaci della zona per dire basta all’accoglienza forzata e adottare una strategia comune.