Borghi in Rete, comuni a convegno a Zungoli per tutelare e promuovere il patrimonio

234

di Francesco Aufiero

ZUNGOLI – Si è tenuto nel pomeriggio di ieri, presso il Convento Francescano di Zungoli, un incontro in cui si è dibattuto del progetto “Borghi in rete”.

Gli obiettivi da realizzare: tutela del patrimonio ambientale e culturale, promozione e valorizzazione delle risorse del territorio, dell’ambiente, delle tradizioni, dei prodotti e cucina tipica. Oltre al Sindaco di Zungoli Paolo Caruso, sono intervenuti amministratori dei tanti paesi, 18 al momento, che insieme alla Comunità Montana dell’Ufita sono parte attiva del progetto. Contributi alla discussione sono venuti da Franco Arminio, paesologo e animatore del recupero dei paesi irpini, dal presidente del Consiglio regionale della Campania Rosa D’Amelio, dal dott. Giuseppe Sorrentino, rappresentante del CNR, dal prof. Roberto Formato, dall’architetto Antonio Ressa.

Un momento dell'incontro di ieri
Un momento dell’incontro di ieri

Costruire un sistema di rete significa coinvolgere il territorio sotto un’unica bandiera, cioè una rete di Borghi capace di offrire opportunità diversificate, culturali, paesaggistiche, ambientali, religiose, storico-artistiche, tempo libero, genuinità e piatti tipici attraverso percorsi turistici guidati. Bisogna rivitalizzare i borghi attraverso politiche e interventi che non si limitino solo alla ristrutturazione di caseggiati o ad opere di edilizia urbana ma soprattutto mediante iniziative di attività artigianali e di servizi, attraverso la valorizzazione della filiera di prodotti di qualità.

Tutto questo puo’ portare a nuova occupazione, a riempire nuovamente le case tristemente chiuse ed abbandonate con i tanti giovani che potrebbero avere nuove opportunità di lavoro.