Dal sapere al saper fare: l’IOS di Lacedonia insedia il Comitato Tecnico Scientifico

292

LACEDONIA – Dal sapere al saper fare: sembra questo il motto alla base dell’azione dell’Istituto Omnicomprensivo Statale “Francesco De Sanctis” di Lacedonia.

Il glorioso istituto altirpino guarda infatti al futuro e cerca di porre le basi per migliorare la formazione dei suoi studenti e renderla sempre più completa.

Dopo l’attivazione dell’Iti (Istituto tecnico informatico), indirizzo che entrerà in funzione dal prossimo anno scolastico, domani mattina si insedierà il Comitato Tecnico Scientifico, “organismo propositivo e di consulenza dell’IOS”, come si legge all’articolo 1 dell’atto costitutivo. Con inizio alle 10, infatti, si terrà la riunione di insediamento ufficiale del comitato, che sarà presieduto dal dirigente scolastico, la professoressa Lucia Ranieri.

Si tratta senza ombra di dubbio di una novità di notevole impatto sulla vita scolastica, qualcosa che modificherà di molto le abitudini degli studenti, dei docenti e delle stesse imprese. Come si legge nel Dpr 87/2010, il Cts è “un elemento per favorire l’innovazione dell’organizzazione degli Istituti Tecnici; è un organismo con funzioni consultive e propositive per l’organizzazione delle aree di indirizzo e l’utilizzazione degli spazi di autonomia e flessibilità; è lo strumento per consolidare i rapporti della scuola con il mondo del lavoro e delle professioni e sviluppare le alleanze formative”.

La professoressa Ranieri, dirigente scolastico dell'IOS
La professoressa Ranieri, dirigente scolastico dell’IOS

Soddisfatta la professoressa Ranieri, da quest’anno alla guida dell’Istituto Omnicomprensivo Statale “Francesco De Sanctis” di Lacedonia. “E’ uno strumento che servirà a raccordare scuola e lavoro – afferma -, dal momento che attualmente una delle criticità esistenti è proprio la mancanza di continuità tra un mondo e l’altro: sono due binari che viaggiano in maniera parallela, senza mai toccarsi. E invece dovrebbero avere molti punti di contatto, per mettere in piedi un percorso valido, finalizzato all’acquisizione di competenze spendibili all’interno del mondo del lavoro. L’alternanza, favorita dai criteri di autonomia e di flessibilità, consente ai giovani studenti anche di prendere contatto e confidenza con la mentalità da lavoro: una mentalità di squadra, di gruppo, differente da quella individuale propria del percorso scolastico”.

Lo storico Istituto Magistrale Francesco De Sanctis di Lacedonia
Lo storico Istituto Magistrale Francesco De Sanctis di Lacedonia

Analizzando il fabbisogno formativo del territorio, la domanda di occupazione, il bisogno di competenze delle imprese destinatarie dell’offerta di diplomati dell’istituto e individuando forme di collaborazione tra i due universi, l’obiettivo del nuovo organismo, che si riunirà mediamente ogni due mesi (salvo particolari esigenze), sarà dunque quello di creare punti di contatto tra la formazione culturale fornita ai ragazzi dalla scuola e l’offerta lavorativa che il territorio offre, forte di alcune eccellenze che possono tranquillamente adempiere a questo ruolo. Basti pensare alla Omi o all’Irpinia Zinco, realtà operanti da decenni presso l’area industriale di Calaggio, che hanno raggiunto livelli eccelsi nei rispettivi settori (aerospaziale e zincatura a caldo). Proprio i rappresentanti di queste due aziende saranno presenti al convegno che domani mattina, come detto, farà seguito all’insediamento del Cts.

L’insediamento del nuovo organismo precederà un convegno dal titolo “Lavoro-sicurezza-produzione”, che si terrà presso l’Aula Magna dell’IOS a partire dalle 11 e che vedrà la partecipazione delle classi IV e V dei diversi indirizzi. Assieme proprio al presidente di Omi, Aquilino Villano (che si soffermerà sull’alternanza scuola-lavoro), e a Francesca Rosa, dirigente di Irpinia Zinco (il lavoro e la formazione in azienda), saranno presenti diversi rappresentanti del mondo del lavoro, delle imprese, docenti interni e rappresentanti di enti locali.

L'area industriale di Calaggio
L’area industriale di Calaggio

Nella fattispecie, all’incontro, moderato dal professor Angelo Antonio De Anseris, parteciperanno il referente dell’Ufficio Scolastico Regionale – Polo Qualità, la professoressa Angela Orabona, il direttore dell’Unità Operativa Territoriale dell’Inail di Avellino, l’ingegnere Carmine Piccolo (che parlerà di cultura della sicurezza), la referente di Impresa Giovani Studenti, Alessia Scotti Belli, il dirigente di Confindustria Andrea Bachrach (che spiegherà AdottUp, il programma di Confindustria StartUp), il direttore dei servizi generali amministrativi, dottoressa Teresa Carlomagno, i docenti coordinatori di dipartimento, De Anseris e Iannarone, il responsabile del reparto Funzioni Struturrali Area 3 – Alternanza Scuola-Lavoro, professor Michele Celetti, e il responsabile di Qualità e Miglioramento, professoressa Rossella Iannaccone.