Camera di Commercio, non basta l’exploit della Vozzella: ancora fumata nera per il presidente

125

di Francesco Aufiero

AVELLINO – La Camera di Commercio di Avellino non ha ancora il suo Presidente: il Consiglio riunitosi oggi non è riuscito ad eleggerlo.

Federica Vozzella, azionista di maggioranza della Desmon di Nusco (frigoriferi industriali e attrezzature per il catering) ha ottenuto 12 voti. Ad indicarla il presidente uscente Costantino Capone, dichiarato decaduto dalla sentenza del Tar di Salerno dello scorso mese di marzo perché ineleggibile alla sua quarta nomina.

Oltre alle 12 preferenze espresse per la componente della Giunta provinciale di Confindustria, Ciriaco Coscia, presidente CNA Avellino e imprenditore vitivinicolo con l’azienda “Dedicato a Marianna”, ne ha ottenute 8 (i voti della Cna e Confesercenti, sei le schede bianche e una nulla). Venerdì 22 aprile probabilmente la prossima convocazione, servirà ancora una maggioranza qualificata dei 2/3 del Consiglio, poi, in terza battuta, sarà sufficiente la maggioranza semplice dei presenti.

Bisogna affrettare i tempi, il 30 aprile è il termine ultimo entro il quale occorre approvare il consuntivo del bilancio. La mancata approvazione porterebbe al commissariamento. La Regione sarebbe costretta a commissariare immediatamente la Camera di Commercio di Avellino.