Patto per la Campania, 10 miliardi fino al 2020: ecco il documento firmato da Renzi e De Luca

200

NAPOLI – “Il tempo in cui si sprecavano i fondi europei è finito”. Ha esordito così il presidente del Consiglio Matteo Renzi, a Napoli per firmare in Prefettura il Patto per la Campania.

Dieci miliardi euro, per la precisione 9.558.244.000,00 euro, che arriveranno per una parte (2.780 milioni) dal Fondo Sviluppo e Coesione 2014-2020, e per la rimanente (6.778.244.000,00) dal Fondo Sviluppo e Coesione 2007-2013, dal Piano di Azione Coesione, dal Cipe, dalle Leggi di scopo, dal Programma Operativo Complementare 2014-2020, ovvero da Fondi strutturali europei inseriti in strumenti di programmazione nazionale (PON ciclo 2014-2020) e/o regionale (POR Campania 2014-2020).

Si tratta del primo degli accordi previsti dal cosiddetto Masterplan per il Mezzogiorno, e impegna il governo a una serie di investimenti concordati con la Regione, in diversi settori ritenuti strategici per la ripresa: infrastrutture, ambiente, sviluppo economico e produttivo, turismo e cultura, sicurezza e cultura della legalità.

“Un accordo che vale quasi 10 miliardi, concretamente verificabile”, ha affermato Renzi. “Non solo lo Stato che controlla le Regioni e viceversa ma direttamente i cittadini controlleranno attraverso la stampa. Si monitora capitolo per capitolo, sono finiti i tempi in cui si sprecavano i fondi”.

Di seguito, il testo completo dell’accordo firmato da Vincenzo De Luca e Matteo Renzi.