LACEDONIA ’16 | -21. Libera-Azione risponde: Lic, programma copiato da Calitri Pulita

96

LACEDONIA – Immediata, a testimonianza di un clima elettorale che va riscaldandosi, arriva la risposta di Libera-Azione al manifesto di Lacedonia In-Comune, intitolato “I magnifici cinque della continuità” e pubblicato ieri.

Lo riceviamo e ne riportiamo il testo integrale.

Cari concittadini, ieri, ancora una volta, siamo stati attaccati sul piano personale dalla lista “Lacedonia in Comune”. Sono mesi che la loro “produzione” programmatica partorisce manifesti contro questo e contro quello, evidentemente perché fa parte del loro DNA costitutivo.

Slogan, illazioni generiche, mai una accusa specifica e diretta. Se ne guardano bene, perché sanno che poi dovrebbero risponderne in ben altre sedi. E così parlano in generale. Ma chi poi? Giovani virgulti appena prestati alla politica? NO!!

Gerardo Palladino, già sindaco di Lacedonia. Rocco Pignatiello, Felice Pennacchio, Giuseppe Patanella, tutti già consiglieri in passate amministrazioni.

Vi risultano particolari risultati in merito ad “elevati gradi di sviluppo e di progresso che ha raggiunto la nostra comunità” durante le loro esperienze amministrative? Tra l’altro in un periodo di vacche grasse, gestione dei fondi legge ex 219 per la ricostruzione, leggi di finanziamento molto generose, trasferimenti economici agli enti locali abbondanti.

Noi pensavamo di doverci confrontare sulle idee e sulle proposte per i prossimi 5 anni, su programmi pensati per Lacedonia e, invece, solo invettive. Forse perchè il PROGRAMMA DELLA LISTA “LACEDONIA IN COMUNE” DEPOSITATO E’ STATO COPIATO DALLA LISTA “CALITRI PULITA” DELLE ELEZIONI COMUNALI DEL 2015?

Invitiamo la popolazione di Lacedonia ad andare sul sito www.calitripulita.it e confrontarlo!!! Tranne che sul capitolo “agricoltura” e pochi altri punti, il resto è un totale “copia e incolla”!!! Umiliante!! Avete elencato a fianco ad ognuno dei vostri nomi, i vostri titoli; avreste dovuto farne un uso migliore!! E voi sareste coloro che vorrebbero guidare il paese? Chiamando, dunque, il sindaco di Calitri in consiglio comunale? Diventando una frazione di Calitri?

Un conto è ispirarsi a principi generali e alle buone idee dei tanti comuni italiani, un altro non avere idee proprie e doverle COPIARE!!! Una lista incapace di scrivere di suo pugno un programma è un’umiliazione per un paese come Lacedonia, che è faro di cultura nell’Alta Irpinia.

Lacedonia non ha bisogno né di furbi, né di copioni.

Andiamo Oltre.