La lettera. Elezione dei vertici Asi e ultimi giorni di campagna elettorale: Mario Megliola la vede così

363

RED. – Caro direttore,

nella giornata dell altro ieri si è consumato il rinnovo degli organismi dirigenti dell’Asi, società che si occupa degli indirizzi delle politiche di sviluppo della nostra provincia e della gestione e manutenzione delle aree industriali.

Poco interessa lo scontro che c’è stato per l’elezione del presidente e del consiglio direttivo, se non x l ennesima spaccatura all’interno del Pd, partito di maggioranza nell’assemblea dell’Asi, e questo ha portato all’elezione di un uomo di De Mita, l’ingegner Sirignano, già sindaco di Mirabella Eclano, alla presidenza dell ente. Ma quello che risalta agli occhi a noi dell’Alta Irpinia è che il consiglio direttivo eletto è formato dal dottor Gerardo Adiglietti, originario di Avellino, dal sindaco di Melito Irpino e dal sindaco di Flumeri. A questi si aggiunge Peppino Di Iorio, originario di Venticano, nominato dalla Regione Campania. Come dicevo, un organismo tutto appiattito tra Avellino e Ufita,con l’ennesima assenza di rappresentanti dell’Alta Irpinia e quindi delle nostre aree industriali.

Mario Megliola
Mario Megliola

In tutta sincerità, questa volta speravamo in una nostra presenza negli organismi dirigenti dell Asi, e in particolare di un rappresentante della nostra area industriale: non per ragioni di solo campanilismo, ma perchè le partite che si stanno giocando per le politiche di sviluppo dell’Irpinia e quello che si va organizzando intorno al Progetto Pilota e alle Aree Vaste (Avellino e Ufita) stanno delineando un progressivo isolamento della parte più orientale dell’Alta Irpinia. E penso che ancora una volta toccherà leccarci le ferite, per poi puntualmente lamentarci dell’ennesima occasione persa. Anche perchè penso (mi auguro di sbagliarmi) che noi saremo appena sfiorati dagli investimenti e dalle opportunità che interesseranno nei prossimi mesi la nostra provincia e la parte centrale dell’Alta Irpinia, ma su questo mi auguro avremo modo di tornare nei prossimi giorni e nelle prossime settimane.  Anche perchè con tanti amici, locali e non, ci prefiggiamo lo scopo di risvegliare e stimolare le nostre popolazioni, e che Lacedonia torni ad essere riferimento culturale e socio-economico per tutto il nostro territorio.

Per quel che riguarda prettamente la nostra comunità, saremo impegnati anche noi al rinnovo dei nostri organismi dirigenti, poichè voteremo tra qualche giorno per l’elezione del sindaco e del consiglio comunale, e mi auguro che questi temi ed altri altrettanto importanti occupino da ora e per i prossimi, ultimi giorni di manifestazioni e di campagna elettorale lo spazio per le nostre riflessioni, perchè sono questi i temi che secondo noi interessano la gente e gli elettori, e che determinano, la vera selezione di classe dirigente, attaccata e interessata prevalentemente allo sviluppo e alla modernizzazione delle nostre aree territoriali e della nostra comunità.

MARIO MEGLIOLA