Il legale della famiglia Ungureanu: Graffi sulla schiena di Maria

120

SAN SALVATORE TELESINO – “Dall’autopsia sono stati rilevati dei graffi sulla schiena”. Queste le parole di  Michele D’Occhio, avvocato della famiglia di Maria Ungureanu, la bimba di 10 anni trovata morta in una piscina di San Salvatore Telesino.

L’avvocato, in ogni caso, non ha fornito ulteriori spiegazioni sulla natura di quei segni sulla schiena della piccola Maria.

“I genitori di Maria – ha continuato D’Occhio – sono profondamente turbati perché l’indagato era considerato persona di famiglia e perché la persona sospettata era considerata da loro una persona di famiglia e spesso veniva aiutata anche a cercare lavoro”.

Daniel Cioran, il ragazzo rumeno di 21 anni unico iscritto nel registro degli indagati, è stato interrogato nuovamente nella serata di ieri dai carabinieri della compagnia di Cerreto Sannita , dal procuratore Giovanni Conzo e dal sostituto Isabella Scamarcio.  Ad accompagnare il ragazzo anche la mamma che ha ribadito l’innocenza del figlio: “Non è stato mio figlio cercherò io chi ha ucciso la bimba”.