Eolico e conservazione territoriale, plauso di Campania@ in Circolo: Bene la Regione

167

RED. – Arrivano le prime reazioni in merito al recepimento e all’adozione, da parte della Regione Campania, di misure per la conservazione dei Siti di interesse comunitario rispetto a nuovi insediamenti eolici.

A tal proposito, riceviamo e pubblichiamo un comunicato firmato da Alfredo Nazzaro, coordinatore dell’associazione “Campani@ in Circolo”.

Il recepimento dei criteri per la conservazione dei siti di interesse comunitario e delle zone special idi conservazione, entro il quadro definito dalla Rete Natura 2000, blocca di fatto le autorizzazioni ai nuovi impianti eolici nelle zone a valenza naturalistica e paesaggistica. Tale decisione va nella direzione da noi sperata e rappresenta un segnale importante nei confronti del Sannio, delle amministrazioni locali e dei cittadini.

In occasione della presentazione di Campani@ in Circolo avevamo riferito che uno dei temi su cui eravamo intervenuti era proprio quello dell’eolico cosiddetto selvaggio, legandolo alla qualità dello sviluppo delle aree interne e alla proposta di nazionalizzazione del parco del Matese, su cui la discussione, soprattutto in alcune comunità situate a cavallo di province e regioni differenti, sembra piuttosto matura.

Sappiamo bene che rimangono aperte le questioni relative agli impianti già autorizzati, ma sottolineiamo l’apertura di una concreta possibilità di confronto tra i livelli locali e la Regione Campania, resa possibile dalla capacità di ascolto del presidente De Luca e dalla necessità di dare attuazione sia alle misure che al piano di monitoraggio.

Speriamo che la decisione richiamata possa accelerare le modalità di confronto e agevolare la presentazione di proposte di sviluppo che abbiano al centro la qualità della vita e dell’ambiente nelle aree interne della Campania e dell’Appennino meridionale.