Gesualdo, il nuovo asilo nido intitolato alla memoria del professore Giuseppe Bettalico

46

di Francesco Aufiero

GESUALDO – La scorsa settimana si è tenuto un consiglio comunale monotematico a Gesualdo con la finalità di intitolare il nuovo asilo nido (che sarà inaugurato a breve) al professore Giuseppe Bettalico, scomparso qualche anno fa.

L’amministrazione comunale ha inteso rendere merito al suo concittadino per quanto di buono ha fatto per il suo paese. Bettalico aveva la passione per la politica (frequentò infatti la sezione del partito Socialista e fu consigliere comunale) ed aveva sempre inteso quest’ultima come servizio, come strumento di soluzione ai problemi della gente e dei più bisognosi.

Tante le energie spese per la ricostruzione della Chiesa di San Rocco, dal reperimento dei fondi necessari dopo i danni del terremoto fino alla sistemazione del sottotetto in legno. Infinite le ore trascorse lavorando sempre in prima persona fino a tarda sera per ridare alla cittadinanza la fruibilità della Chiesa. E poi l’opera di convincimento affinché l’artista Kathy Toma realizzasse un ciclo di pitture sempre nella Chiesa di San Rocco.

L’opera, riportata in sette pannelli, è stata ultimata con entusiasmo e passione a Parigi. Le tele sono animate da figure cariche di notevole forza espressiva e di grande effetto emotivo, da valere come canto di preghiera, inno alla fede e messaggio proiettato nel futuro. Aveva a cuore la realizzazione dei festeggiamenti  di San Rocco (che si svolgono nella terza domenica di agosto), la buona riuscita di tutte le manifestazioni che riguardavano il Principe dei Musici “Carlo Gesualdo” prima con la Pro Loco, con la realizzazione del “Palio del Principe” che riusciva a coinvolgere centinaia di partecipanti e, poi, le tante energie spese a fianco del suo grande amico, il notaio Edgardo Pesiri per l’organizzazione degli eventi della Fondazione “Carlo Gesualdo”.

Quando i bimbi chiederanno chi fosse il professore Giuseppe Bettalico gli si potrà dire che è stato un uomo semplice, buono, giusto e che ha dato tantissimo per il bene della collettività.