Vino, Testo Unico: ok dal Senato. Ora alla Camera per l’approvazione definitiva

116

di Francesco Aufiero

RED – Dopo l’ultimo via libera del Senato all’unanimità, il disegno di legge per il Testo Unico sul vino torna di nuovo alla Camera per l’approvazione definitiva, a distanza di oltre due anni dall’avvio dei lavori parlamentari.

Dal vigneto alla bottiglia l’attuale normativa, sottolinea la Coldiretti Campania, rende necessario adempiere a più di 70 pratiche che coinvolgono 20 diversi soggetti, con 100 giornate di lavoro che oggi ogni impresa vitivinicola è costretta ad effettuare per soddisfare le 4mila pagine di normativa che regolamentano il settore.

Il fatturato complessivo delle aziende presenti sul mercato è in continua crescita. La burocrazia, da un’indagine della Coldiretti, è considerata dai vitivinicoltori il principale ostacolo al loro lavoro.

Il Testo Unico è il risultato di una lunga mobilitazione e porterà alla semplificazione delle comunicazioni e adempimenti a carico dei produttori, revisione del sistema di certificazione e controllo dei vini a denominazione di origine ed indicazione geografica con un contenimento dei costi, alla revisione del sistema sanzionatorio, l’introduzione di sistemi di tracciabilità anche peri i vini a IGT e norme per garantire trasparenza sulle importazioni dall’estero. Speriamo, solo, che l’approvazione definitiva non tardi troppo.