Gesualdo fa il tifo per Davide: il giovanissimo portiere è un giocatore del Parma

110

di Francesco Aufiero

GESUALDO – Davide Savignano, 14 anni di Gesualdo, è a tutti gli effetti un portierino del Parma Calcio.

Il giovanissimo talento gesualdino ha infatti firmato il cartellino che lo vincolerà per la prossima stagione agonistica alla blasonata squadra parmigiana, appena risalita in Serie B dopo il fallimento di due anni fa. Vivrà in un convitto seguito da un tutor, un pulmino giornalmente lo accompagnerà e lo andrà a prelevare da scuola. Ai primi di agosto risalirà cominciando la sua avventura agonistica insieme a tutti gli altri ragazzi provenienti da ogni parte di Italia e non solo. La sua scelta era di iscriversi al Liceo con indirizzo musicale ma i due rientri settimanali previsti lo hanno obbligato a rinunciare e a scegliere il Liceo ad indirizzo sportivo.

Già nel settembre dello scorso anno Davide partecipò ad uno stage dell’Atalanta a Zingonia, e qui ebbe modo di misurarsi con una realtà diversa e con un ambiente, quello nerazzurro, da sempre impegnato nella crescita di giovani talenti. Alla fine del mese di gennaio, tre giorni al Cesena (leggi qui il pezzo che scrivemmo in quella circostanza). Purtroppo, al termine dell’allenamento del primo giorno ebbe un risentimento al ginocchio per cui dovette sospendere lo stage e fare rientro a casa. Il ragazzo ha una struttura importante (è alto 1 metro e 90) unita a un carattere molto riservato. Da un punto di vista tecnico ha grande facilità di apprendimento. Negli ultimi mesi si è allenato a Benevento sotto la guida di un preparatore specifico per la sua età.

Roberto Lanza, responsabile della Scuola Calcio ASD Minarda Grotta in cui ha militato per oltre quattro anni, ha firmato la liberatoria ed è particolarmente ottimista sul futuro del ragazzo insieme a tutti i tecnici della scuola calcio che lo hanno aiutato a crescere negli anni. Spetterà adesso a Davide farsi largo in un mondo così difficile, questa esperienza di vita contribuirà a farlo crescere, a maturare lontano dai genitori, dagli affetti ma in una realtà sportiva gloriosa, nella quale hanno militato campioni come Gigi Buffon, Fabio Cannavaro e Herman Crespo, attualmente vicepresidente del Parma Calcio.