214 milioni per le strade, De Luca: Una nuova primavera per l’Irpinia

175

AVELLINO – La strada a scorrimento veloce del Vallo Lauro, la Lioni-Grotta e il resto del territorio provinciale.

E’ su queste direttrici che si sviluppa il megafinanziamento che la Regione Campania, attraverso il Patto per il Sud, ha garantito alla provincia di Avellino, e che il governatore Vincenzo De Luca ha presentato oggi al Carcere Borbonico di Avellino.

“E’ una nuova primavera per l’Irpinia – afferma De Luca -: abbiamo concluso accordi per i comuni dell’Alta Irpinia (il riferimento è al Progetto Pilota, ndr), abbiamo chiuso cantieri importanti sulla Lioni-Grottaminarda, su cui abbiamo da investire altri 180 milioni per completare il collegamento con il Cilento all’altezza di Contursi, e poi abbiamo una marea di interventi sulle strade provinciali. Parliamo di 214 milioni di euro che destiniamo alla Provincia di Avellino”.

Proprio riguardo alle criticità della viabilità, De Luca ha affermato: “Abbiamo ricevuto decine di richieste di intervento su strade provinciali, per un totale di circa 50 milioni di euro. Ma non avendo ancora progetti esecutivi, abbiamo appostato 25 milioni per cominciare a finanziare i primi che saranno pronti”.

De Luca ha poi parlato di altri temi caldi in questi giorni.

SANITA’ – “Siamo eliminare i commissari, non per istituirli, ma siamo una Regione commissariata e senza questa figura tutta una serie di atti non sarebbero stati decretati: penso al Piano ospedaliero regionale o gli atti aziendali. Ma il nostro obiettivo è togliere di mezzo il commissariamento” (De Luca è da poche settimane commissario per la Sanità per la Regione Campania).

CENTRO PER L’AUTISMO – “Si tratta di una vicenda dilatata in maniera abnorme. Tra l’altro, un Centro per l’Autismo è stato realizzato a Sant’Angelo dei Lombardi. Il sindaco di Avellino mi ha comunicato che si va verso la risoluzione dei problemi per quanto riguarda il Centro che dovrebbe sorgere in città”.

CRISI IDRICA – “Non siamo in una situazione a livello di Roma, tanto per capirci. Abbiamo una anomalia: l’Irpinia produce più acqua ma rischia di averne meno di altri territori. Abbiamo posto il problema sul tavolo nazionale per risolverlo: l’acqua di Cassano deve rimanere in Irpinia. Non possiamo fornire oltre la Puglia o altre regioni, e mi pare una posizione civile. In una riunione ieri abbiamo discusso di interventi di miglioramento della rete da fare a breve per incrementare di altri 2.300 litri al secondo la fornitura idrica”.

IMMIGRAZIONE – “Un lavoro molto importante e molto serio da parte del ministro Minniti. Va fatto un sistema di leggi per il quale chi viola la legge, quale che sia il colore della sua pelle, va in galera. Ci sono bande di extracomunitari che delinquono, e la gente ha paura. Chi viene in Italia per fare il delinquente deve essere buttato fuori”.