Eolico a Morcone, Pedicini (M5S): Intollerabile la devastazione ambientale sull’altare dell’energia rinnovabile

186

MORCONE – Dopo l’alta tensione tra l’associazione Altrabenevento e il coordinatore provinciale di Articolo 1-Mdp, sull’eolico a Morcone interviene anche Piernicola Pedicini, eurodeputato del Movimento 5 Stelle, chiamato in causa proprio da Altrabenevento.

Pedicini dichiara “pieno sostegno alla lotta dei cittadini e dei comitati ambientalisti, che da anni si battono contro il mega parco eolico selvaggio che vorrebbero realizzare sulla Montagna di Morcone a cavallo tra le regioni Campania e Molise.

Seguo da tempo questa vicenda. Ora, dopo le ultime evoluzioni di carattere giuridico e dopo la manifestazione di protesta svoltasi domenica scorsa nell’area interessata, torno sulla questione per fare in modo che, al più presto e in relazione alle norme comunitarie, arrivi anche sui tavoli di Bruxelles.

Una cosa è certa, il M5S non può consentire che venga realizzato un mega parco eolico, che prevede 19 mega torri alte fino 100 metri l’una, in un’area di grande interesse ambientale, paesaggistico e agricolo come quella della Montagna di Morcone nel Beventano e del Matese molisano. Occorre, pertanto, che tutte le procedure e le norme, per la tutela e la salvaguardia di quei territori e degli agricoltori che vi risiedono, vengano rispettate e bene hanno fatto la Procura di Benevento e la Soprintendenza di Caserta ad intervenire e a disporre i due provvedimenti di sequestro del cantiere avvenuti a febbraio scorso e pochi giorni fa.

Per questo, il M5S continuerà a seguire in tutte le sedi e a tutti i livelli la vicenda della Montagna di Morcone, ma anche altri casi di impianti eolici selvaggi in Campania e in Molise che non rispettano le norme vigenti nazionali e europee. Il nostro impegno è totale, così come hanno evidenziato la collega eurodeputata Adinolfi, i deputati Sibilia e Micillo, i consiglieri regionali Malerba e Viglione e la consigliera comunale di Benevento Farese, partecipando alla manifestazione che si è svolta domenica scorsa insieme ai comitati e ai cittadini che stanno protestando.

Piernicola Pedicini
Piernicola Pedicini

Va anche detto che il M5S, pur se a favore delle energie rinnovabili, non può tollerare che il concetto di sostenibilità applicato all’energia diventi la giustificazione a qualsivoglia violazione delle norme vigenti. Né tantomeno può assecondare la realizzazione di impianti che non tengano conto della vocazione dei territori e dei diritti degli abitanti delle aree interessate che da tali progetti dovrebbero trarre benefici ed invece ne subiscono unicamente le ricadute negative in termini economici, ambientali e di salute. E’ chiaro, di conseguenza, che questo specifico caso della Montagna di Morcone, penalizza i cittadini e premia le speculazioni delle multinazionali e delle imprese che mirano solo al business e al profitto economico.

Quello che sta accadendo non è casuale o dovuto ad un imprevisto, ma ci sono precise responsabilità del governo nazionale e delle Regioni Campania e Molise. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad una vera e propria aggressione di varie aree del Sud. Una crescita indiscriminata di parchi eolici in zone anche particolarmente rilevanti da un punto di vista paesaggistico, produttivo, naturalistico e storico. Territori da sempre dediti all’agricoltura che si stanno trasformando in presidi industriali. Aree devastate da tagli di alberi per aprire strade che devono raggiungere i luoghi dove devono essere realizzati gli impianti. Colate di cemento per le piattaforme dove devono essere installate le torri. Impianti realizzati anche a 200 metri di distanza dalle abitazioni (grazie alla legge “Sblocca Italia” voluta da Renzi), prima la Ue prevedeva 1.400 metri. Oltre, ovviamente, al grave impatto visivo e all’inquinamento acustico”.