Alluvione, Campagnuolo (FI): Danni enormi e ristori mancati, dal Pd solo promesse e slogan

195

BENEVENTO – La scarsità di fondi pervenuti nel Sannio dopo l’alluvione e le difficoltà di produzione delle aziende colpite nelle varie parti del Sannio.

E’ questo il tema della nota di Evangelista Campagnuolo, coordinatore provinciale di Forza Italia Giovani nonché membro del coordinamento provinciale di Forza Italia.

“A due anni esatti dall’alluvione che ha colpito il Sannio, nulla o poco è stato fatto. È questo un dato di fatto oggettivo, ed è quantomeno singolare che il capogruppo Pd al Comune di Benevento non ne abbia contezza. Sono solo tre, infatti, le aziende che hanno ricevuto il ristoro, e questi sono dati numerici oggettivi. Quindi, l’esponente del Pd non può sentirsi certamente offeso se il nostro gruppo consiliare gli ha rammentato questo dato.

Si deve purtroppo constatare che le aziende colpite dall’alluvione, malgrado lo sforzo notevole fatto, stentano a decollare. Alcune hanno dovuto ridurre fortemente la produzione e, consequenzialmente anche il personale. Proprio tali aziende temo non riescano a ritornare più ai livelli pre–alluvione. Alcune zone specifiche della Valle Vitulanese e della Valle Telesina fanno i conti con forti disagi: basterebbe dare un’occhiata ai vigneti che fino a qualche anno fa costeggiavano il lato Telesino del Fiume Calore: decine di ettari sono stati lasciati all’abbandono.

Evangelista Campagnuolo
Evangelista Campagnuolo

Così come nelle zone del Fortore e del Tammaro sono ancora presenti danni tangibili nei comparti della zootecnia e della cerealicoltura. Stiamo parlando della principale fonte di economia del nostro Sannio. Il mio umile e modesto consiglio è quello di evitare repliche partigiane, magari l’esponente del Pd potrebbe farsi portavoce delle istanze che decine di aziende e privati cittadini hanno manifestato da due anni. Potrebbe farlo anche perché il suo partito governa le istituzioni regionali e nazionali. O forse dovremmo dire che il Partito democratico, ad oggi, ha messo sul tavolo risolutivo solo promesse e slogan? Oppure, ancora una volta, si vorrebbe insinuare che le responsabilità siano delle opposizioni?”