Sant’Agata de’ Goti, al De’ Liguori alternanza scuola-lavoro con l’INGV

137

SANT’AGATA DE’ GOTI – Proseguono le partnership qualificate dell’Istituto “De’ Liguori” i Sant’Agata De’ Goti.

Se da un lato, si chiude quest’anno il triennio formativo inserito nel programma di Alternanza Scuola Lavoro da parte degli studenti della classe VA del Liceo Scientifico Opzioni Scienze Applicate in collaborazione con l’Agenzia di Comunicazione e Web Marketing “Arcadia”, dall’altro, l’Istituto scolastico saticulano continua a promuovere qualificate partnership per favorire una seria e specifica collaborazione tra il mondo della scuola, del lavoro e della ricerca.

Lo scorso 1° dicembre, dopo la sottoscrizione della convenzione con l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), presieduto dall’aprile 2016 dal Prof. Carlo Doglioni, ha avuto inizio il percorso di alternanza scuola-lavoro rivolto agli studenti della III A del Liceo Scientifico tradizionale.

Il dott. Gianpaolo Cecere, Responsabile dell’Unità Funzionale dell’Osservatorio Geofisico e Sismico di Grottaminarda della Sezione Centro Nazionale Terremoti, designato per l’INGV tutor esterno, e il dott. Luigi Zarrilli, Responsabile Scientifico del progetto, sono stati accolti dalla prof.ssa Patrizia Falco, tutor interno dell’istituto De’ Liguori.

“Si tratta di un percorso ambizioso – ha dichiarato con viva soddisfazione il dirigente scolastico Mariarosaria Icolaro -, che conferma la voglia di quanti operano professionalmente al De’ Liguori di promuovere interventi altamente qualificati per i nostri studenti, perché essi abbiano la possibilità di entrare in contatto con esperti di elevata formazione scientifica e tecnologica e facciano esperienza di percorsi formativi funzionali all’acquisizione di competenze scientifiche rispondenti alle sfide della società contemporanea e alle attese del mondo del lavoro”.

Con questo percorso gli studenti avranno la possibilità di entrare in contatto con la più grande istituzione europea nel campo della geofisica e vulcanologia, per conoscerne gli ambiti di azione: dal monitoraggio dei fenomeni geofisici alla sorveglianza della sismicità dell’intero territorio nazionale e delle attività dei vulcani attivi, attraverso reti di tecnologicamente avanzate, grazie alle quali i dati vengono trasmessi in tempo reale alle sale operative di Roma, Napoli Catania e Grottaminarda.

Ed è proprio presso le sedi di Grottaminarda e Napoli che gli studenti, dopo le necessarie lezioni orientanti, svolgeranno un periodo di stage per conoscere, apprendere e fare esperienza di contesti di ricerca nel campo della sismologia e dell’ingegneria sismica, di monitoraggio ed elaborazione di dati, installazione e manutenzione delle stazioni geodetiche e distribuzione dei dati alla comunità scientifica.