La Voce …degli autotrasportatori irpini

114

Riceviamo e pubblichiamo

 

Era solo una questione di tempo. Anche ad Avellino la crisi economica ha mietuto le sue vittime. Nostri concittadini che  silenziosamente  e mediaticamente stanno vivendo un dramma a cui nessuno sembra porre un freno. Il gesto esasperato di un nostro Autotrasportatore di Mercogliano è la conseguenza di un effetto negativo che  da alcuni anni ha colpito il mondo delle imprese e delle Famiglie.

Il giovane autotrasportatore “membro di una Famiglia che rappresenta la terza generazione di autotrasportatori” è l’ennesima vittima di una crisi economica i cui effetti sono vari e vasti. E’ ormai necessario  affrontare le esigenze di padri di famiglia e di imprenditori che sono lasciati soli nel risolvere questioni che necessitano interventi Istituzionali.

Nel caso dell’autotrasportatore, egli è costretto <<mentre è alla guida di un tir nell’intento di espletare  un servizio alla collettività>>, a risolvere le problematiche che riguardano l’organizzazione del lavoro, quelle relative alle maestranze e non ultimo quelle relative alla ricerca di credito per salvare la propria impresa di Famiglia.

Da tempo questo settore chiede che vengano rispettati i costi minimi di sicurezza, che i pagamenti dei servizi trasporto siano effettuati nei termini di legge, che i controlli <<fortemente voluti dalla categoria>> siano rivolti alla ricerca delle illegalità nella filiera e non solo e sempre alle stesse imprese controllate e ricontrollate ogni anno. Al mondo economico finanziario rivolgiamo un appello: che le richieste di intervento finanziario siano valutate con oculatezza tenendo conto non solo dell’aspetto “meramente numericoma anche della storia e delle qualità del soggetto; questa valutazione è meramente umana e non deve essere lasciata alle macchine, ma a quei Professionisti economici che comunque negli anni hanno dato possibilità di sviluppo a tutta la nostra collettività, che ha ricambiato affidando agli stessi risparmi frutto del sudore della fronte sia degli Imprenditori che delle Famiglie.

                                                                                             IL SEGRETARIO PROVINCIALE

                                                                                                 Rocco CIRINO