Abbonamenti, rapporto tra tessere vendute e capienza dello stadio: Benevento al settimo posto

206

BENEVENTO – Campionato avviato, campagne abbonamenti chiuse o quasi.

I dati, però, sono pressoché definitivi. E allora si traccia un bilancio assoluto e relativo, non soltanto a quello degli anni scorsi. Se il Milan fa boom, con 31mila tessere (ben 14mila in più sul 2016/17), la Juve resta a quota 29.200, la Roma a 20mila, Genoa e Fiorentina a 17mila. Molto basso il dato relativo al Napoli, che con 5.888 tessere – dato già di per sè bassissimo – fa registrare un -112 rispetto all’anno passato.

E il Benevento? Il bacino d’utenza è evidentemente ristretto, ma i tifosi sanniti hanno risposto alla grande: quasi 8mila le tessere vendute (7.783, per la precisione), che pongono la società giallorossa davanti a Crotone, Chievo, Cagliari, Napoli e Sassuolo. Salvezza ampiamente raggiunta, quindi.

Sfiora addirittura l’Europa League, invece, per quanto riguarda il rapporto tra capienza dello stadio e abbonamenti venduti. Settima la posizione occupata dalla società del presidente Vigorito: il 46% dello stadio sarà occupato nelle gare casalinghe dagli abbonati. Davanti Juve (70,3%), ATalanta (67,6%), Spal (62,2%), Genoa (47,6%), Crotone (46,8%) e Udinese (46,4%). Alle spalle del Benevento società come Sampdoria (45,5%), MIlan (39,5%), Inter (39,5%), Roma (26,2%) e Napoli (ultimo con un misero 10,4%).