Addio al padre di Montalbano: morto Andrea Camilleri

51

E’ morto Andrea Camilleri, aveva 93 anni.  Un mese fa, il 17 giugno, lo scrittore era stato ricoverato in rianimazione all’ospedale Santo Spirito a Roma per un arresto cardiaco.

Camilleri era nato a Porto Empedocle il 6 settembre 1925. Sceneggiatore, regista, drammaturgo e insegnante italiano, aveva insegnato regia all’Accademia nazionale d’arte drammatica. La vera fama la raggiunse negli anni ’90, con il mitico “commissario Montalbano”.

Nelle ultime settimane preparava il debutto alle antiche Terme di Caracalla, con lo spettacolo Autodifesa di Caino. Il personaggio Salvo Montalbano, che ha accompagnato i suoi ultimi 25 anni di vita, perde il suo padre, a cui era ormai legato in maniera indissolubile.

Del “commissario Montalbano”, decine di milioni di copie vendute, traduzioni in 40 Paesi, lettori fedelissimi fin dall’anno del debutto, con la solita ironia Camilleri era solito dire: “Non lo amo. Non sono un ingrato, mi ha dato fama e denaro, ma se fosse meno ricattatore sarei più contento. Non è facile mantenere la vena creativa senza ripetersi”.  L’uso del particolare linguaggio commisto di italiano e siciliano presente in varie opere di Camilleri è già parte della storia recente della letteratura italiana. L’Italia perde un grande scrittore e un attento osservatore dell’attualità.