Ato Rifiuti, Tozzi: Rendere subito operativo l’organismo

161

BENEVENTO – Qualche tempo fa Giovanna Tozzi è stata eletta presidente dell’Ato Rifiuti. Dopo le elezioni, terminate in parità, la Tozzi è salita al ruolo di presidente anche per ragioni di carattere anagrafico.

“Sarà per me un grande onore ma anche una grande responsabilità presiedere l’Ato rifiuti di Benevento, un nuovo organismo territoriale di gestione del comparto il cui sistema si avvia a prendere forma in questi mesi”. E’ quanto afferma Giovanna Tozzi, vicesindaco di San Leucio del Sannio che questa mattina è stata eletta presidente dell’Ato rifiuti.

“Il mio ringraziamento – dichiara Tozzi – va innanzitutto a Luigi Barone che ha fortemente voluto e sostenuto la mia candidatura al Consiglio d’Ambito e poi alla presidenza e grazie al quale ho avuto l’opportunità di ricoprire questo ruolo. Così come un ringraziamento va ai tanti amministratori che hanno sostenuto la lista della coalizione formata insieme al Pd, e ai componenti della coalizione all’interno del Consiglio d’Ambito che mi hanno sostenuto alla presidenza”.

Giovanna Tozzi traccia poi una road map delle prossime attività dell’organismo: “Sarà necessario mettersi subito al lavoro per rendere l’Ato operativo, così, subito dopo la ratifica dell’insediamento da parte della Regione Campania, individueremo innanzitutto una sede. L’intenzione è quella di stabilirla nella Città di Benevento e a tal fine invieremo un’istanza al Sindaco del Comune di Benevento ed al Presidente della Provincia per richiedere la disponibilità a concedere l’utilizzo di un immobile di proprietà che attualmente non abbia altro utilizzo.

Successivamente bisognerà costituire gli organi in cui si articolerà l’Ato rifiuti, a partire dagli uffici che dovranno gestire le funzioni di competenza e i servizi. Per questo in una prima fase sarà necessario avvalersi di dipendenti dei Comuni che compongono l’Ambito, che possano organizzare tutte le attività necessarie all’avvio dell’organismo, per poi passare alla definizione della struttura organica interna. Conclusa questa fase organizzativa di start up si passerà quindi all’operatività dell’Ato, alla programmazione dei servizi sui territori, procedendo con la massima condivisione con le Amministrazioni comunali nelle decisioni più rilevanti riguardanti le articolazioni dei sub ambiti (in cui i Comuni dovranno gestire in modo condiviso il servizio rifiuti), le tariffe, le questioni inerenti alla salvaguardia dei livelli occupazionali.

Ci apprestiamo a un cambio di passo, a un profondo cambiamento del sistema di gestione del comparto rifiuti, un sistema di governance che sperimentiamo per la prima volta in un settore di fondamentale importanza per le comunità. Sono per questo consapevole – conclude il vicesindaco di San Leucio del Sannio – che il compito che mi attende nel guidare questo processo di cambiamento come presidente dell’Ato non sarà facile, so però di poter contare sulla professionalità e l’esperienza dei Sindaci che compongono la coalizione e che mi accompagneranno in questo percorso di gestione; profonderò per questo tutto il mio impegno affinché i servizi legati ai rifiuti nel Sannio possano progredire, in quanto ad efficienza ed economicità, e sarò sempre disponibile ad ascoltare le esigenze della comunità sannita”.