Avellino. Ancora 24 ore per tutti gli adempimenti. Taccone: Andrà tutto bene.

116

AVELLINO – Mai come in questi giorni il caos regna sovrano nell’Avellino calcio. Momenti concitati e voci che si inseguono da più di trenta giorni su questa o quella cordata, stipendi e fideiussioni stanno logorando l’ambiente e peggio raffreddando l’entusiasmo che dopo il ritorno in serie B dei biancoverdi aveva contagiato tutti.

“Andrà tutto bene” continua a dire il presidente Walter Taccone nel tentativo di rassicurare la tifoseria e quanti, in queste ultimissime ore, sono in ansia per le sorti dell’Avellino. “Non comprendo – ha detto ieri ai microfoni di una televisione privata, Tele Nostra – questo clima di allarmismo che avverto in giro”.

Non lo capisce il Presidente ma, in verità, anche noi ci siamo persi. La verità, probabilmente, è che questa vicenda, qualsiasi ne sia la scena finale, è stata gestita malissimo. La piazza, questa piazza meritava di più ammettiamolo. C’è stato forse un problema di comunicazione verso l’esterno, di sicuro è mancato un vero progetto alternativo a quello che, facendo gridare tutti al miracolo, dalla polvere ci ha riportato nel calcio che conta. Hanno parlato tutti e le chiacchiere, alla fine, hanno preso il sopravvento. 

Noi vorremo, per un attimo, guardare ai fatti.

Le voci che si sono sentite in queste ultime settimane sono state un chiacchiericcio inutile. A poco più di 24 ore dalla scadenza, l’Avellino calcio non ha ancora onorato tutti gli adempimenti e la società resta avvolta in un alone di mistero. Terminata la ridda di voci incontrollate su nuove cordate in dirittura d’arrivo per rilevare la proprietà dell’Avellino (qualcuno sa cosa è successo realmente mercoledì a Roma?) le quote dell’Avellino calcio, pare, siano tutte nelle mani di Walter Taccone il quale entro le 21 di domani sera deve far fronte a tutti gli adempimenti, fideiussione compresa. Lo può fare da solo?

Scorrendo le interviste delle ultime 48 ore parrebbe di si e questo è l’augurio di tutti i tifosi. Già, perché al momento nessuno, HS compreso, sembrerebbe essere pronto ad entrare in partita. “Se dovessero aver bisogno di me – ha detto Michele Gubitosa ieri – io sono a loro disposizione. La somma che garantisce l’iscrizione dell’Avellino è a disposizione da tempo. Ovviamente HS non è una banca e a fronte di quei soldi, sono state avanzate delle richieste”. Il tempo è quasi scaduto . Appena dietro l’angolo c’è un punto di penalizzazione di un punto e un’ammenda di almeno 20 mila euro.

Bisogna fare in fretta.