Avellino-Bari, le dichiarazioni del post-gara

69

Avellino uno, Bari zero. Questo il risultato dell’ultima gara che ha visto in scena l’Avellino sul manto erboso del “Partenio-Lombardi” per l’ultima volta in questa stagione. Vittoria di misura che lancia bene l’Avellino in questo mini torneo della poule scudetto. Il prossimo avversari risponde al nome di AZ Picerno e l’appuntamento è per mercoledì 22. Nel mentre, ecco le dichiarazioni di alcuni dei tesserati delle squadre della gara odierna.

CORNACCHINI – ALLENATORE BARI

  • Il Bari, secondo noi, avrebbe meritato quantomeno il pareggio. Tanta sfortuna, tantissimi errori.
    • “Il rammarico di aver perso è enorme. Non meritavamo la sconfitta, ma siamo stati sfortunati e poco lucidi nel non concretizzare; a livello di gioco però mi sembra che la squadra abbia fatto molto bene. I ragazzi ci tenevano molto a fare bene qui ad Avellino: il rammarico è per questo”.
  • Avete sbagliato più gol oggi che in tutto il girone di ritorno. Con l’ingresso di Piovanello la squadra girava meglio. Si poteva osare di più?
    • “Quando devi recuperare è normale dover attaccare di più; sono dell’idea che tutta la squadra abbia fatto quello che doveva fare”.
  • Riavvolgendo il nastro, cambierebbe qualcosa?
    • “Con i se e con i ma non si va da nessuna parte. Tuttavia, se magari Floriano avesse segnato in occasione di quel pallonetto nel primo tempo, la gara sarebbe cambiata del tutto”.
  • Come si ripartirà l’anno prossimo?
    • “La piazza si aspetta un grande Bari. Faremo un grande campionato e cercheremo di essere competitivi”.
  • Si è parlato di un Bari come corazzata, ma oggi non è stata questa la sensazione. Cosa ne pensa, in prospettiva per l’anno prossimo?
    • “C’è tempo. Ne abbiamo molto di più rispetto all’anno scorso che abbiamo cominciato a metà agosto. Forse non sarà una rivoluzione, ma qualcosa si dovrà fare”.

BUCARO – ALLENATORE AVELLINO

  • Primo successo in coppa, è sembrato un Avellino deciso e sicuro. 
    • “Volevamo chiudere bene davanti ai nostri tifosi, nonostante avessimo sciupato moltissime energie per lo spareggio”.
  • Oggi è stato un anticipo della Lega Pro. Come ha visto la gara di oggi?
    • “É stata una gara equilibrata, con due squadre forti. Noi abbiamo segnato, loro no, in questo è stata la differenza. Alla fine l’abbiamo meritata noi, anche se negli ultimi dieci minuti siamo calati. Nei 97′, l’Avellino secondo me ha fatto qualcosina di più”.
  • Si vocifera della sua conferma come allenatore dell’Avellino nella prossima stagione. C’è già stato un incontro, anche per pianificare il mercato?
    • “Non abbiamo nessun tipo di appuntamento, dopo mercoledì’ sicuro ci sarà qualcosina. Ad oggi, non abbiamo parlato”.
  • L’entusiasmo è in crescita.
    • “Noi dobbiamo dare sempre il massimo, specie per i tifosi. Mercoledì ci sarà turnover, perché anche chi ha giocato meno è importante per questa squadra. Continueremo a stare insieme fino alla fine di luglio”.
  • Negli altri anni, il calo fisico dell’Avellino è sempre stato vistoso. Quest’anno la squadra sembra avere sempre fiato. 
    • “Anche per questo la conferenza stampa l’hanno fatta lo staff medico e atletico venerdì. Molto merito ce l’hanno anche loro, chi sta dietro e viene menzionato meno”.
  • Cornacchini ha detto che l’anno prossimo sarà un Bari da protagonista. Per l’Avellino sarà lo stesso?
    • “L’Avellino come il Bari, in C, deve fare un campionato da protagonista. Vedremo cosa succederà in questa settimana, ma è chiaro che squadre come queste devono sempre fare un campionato di alta classifica”.

DE VENA – ATTACCANTE AVELLINO

  • Con 22 gol hai dimostrato di essere un lusso per questa categoria. É così che ti riproponi anche per l’anno prossimo?
    • “Non posso dirti nulla perché ad oggi non ci siamo visti. Quando sarà finita la poule scudetto, ci incontreremo e vedremo cosa sarà”.
  • Perché segni sempre tu?
    • “Perché ci credo. Il gol ne è una diretta conseguenza, ma io scendo in campo per aiutare i miei compagni”.