Avellino-Bari, le parole del post-gara

51

SIMERI – ATTACCANTE BARI

  • Bestia nera dell’Avellino oggi.
    • “Su questo campo non avevamo mai vinto; avevamo un conto aperto qui”.
  • Potevate uscire sconfitti anche oggi.
    • “I gol subiti sono sciocchezze. I nostri sono situazioni provate in allenamento. CI tenevamo a fare bene e a non uscire sconfitti”.
  • Striscia positiva in atto col nuovo allenatore.
    • “Ad oggi abbiamo preso due gol, ma fa nulla”.
  • Oggi chiamato a farti carico dell’attacco vista l’assenza di Antenucci.
    • “Menomale che non abbiamo perso, anche con Neglia abbiamo giocato bene”.
  • Cosa è cambiato con Vivarini, rispetto al passato?
    • “Prima avevamo un modo di giocare diverso, mister Vivarini cerca il gioco palla a terra. Io sto cercando di ricambiare la fiducia che il mister mista dando”.

CAPUANO – ALLENATORE AVELLINO

  • Buona la prima, seppure a metà. Considerando il rango degli avversari, ci poteva stare la zampata.
    • “Risultato importantissimo, prestazione ancora di più. Penso che anche dal punto di vista della distribuzione di gioco, la squadra ha stupito anche me. Abbiamo dovuto reinventare la difesa visti gli infortuni, abbiamo rischiato di vincerla al cospetto di una squadra a cui si può dire solo chapeau. Perdere tre centrali, non ho avuto il coraggio di cambiare la difesa a tre, facendo giocare anche Palmisano come centrale di sinistra. Non ci siamo accontentati: avessimo vinto, non ci sarebbe stato nulla da dire, forse sarebbe stato più giusto. Sul secondo gol, ci sono errori che magari tra quindici giorni non faremo”.
  • Dal punto di vista emotivo, cosa ha provato calcando il terreno con un forte coro di contestazione, uscendo tra gli applausi delle tribune?
    • “Io quella curva la ringrazio; non ci spingeva. Spero che possa cambiare, per una persona venuta qui con spirito molto abnegativo. Quello che conta è il terreno di gioco, come si prepara la gara e l’interpretazione della sfida stessa. Per me è motivo di orgoglio vedere nessuno dei miei ragazzi dare tutto quello che aveva. Oggi guadagnano un pò di autostima, specie dopo lo svantaggio ed il recupero. La bicicletta l’ho voluta fortissimamente io e adesso devo pedalare”.
  • Quanti margini ha di crescita questa squadra? Affrontare tutte queste grandi squadre può essere positivo?
    • “Abbiamo cinque giocatori fuori e dobbiamo andare a Terni. Cercheremo di adattarci. Abbiamo un giorno di scarico, guarderemo video. L’Avellino non ha una proprietà, l’Avellino è vostra, è della gente. Stateci più vicino”.
  • Una prestazione così non avviene per caso.
    • “Ho cercato di trasmettere me ai ragazzi, senza far pesare quello che succedeva intorno. Sono molto orgoglioso dei ragazzi. la prestazione è sotto gli occhi di tutti. Adesso abbiamo tante assenze, ma proveremo a mandare in campo una squadra equilibrata”.

VIVARINI – ALLENATORE BARI

  • Si aspettava un Avellino così tignoso?
    • “Sapevamo che l’Avellino sarebbe stato così. Oggi avevamo qualche secondo di ritardo sulle reazioni, abbiamo patito sotto questo aspetto. Il cambio allenatore porta energie nuove; i ragazzi dell’Avellino hanno dato molto. Da parte nostra, dobbiamo tornare su alcuni concetti su cui abbiamo fatto male”.
  • L’assenza di due terzi della squadra titolare è un alibi?
    • “I ragazzi che sono nel Bari devono essere tutti pronti. Oggi gli attaccanti si sono mossi bene, qualità tecnica ben alta che ci fa sperare bene per il futuro. Siamo un pò rammaricati dal punto di vista difensivo, specie nel primo tempo”.
  • Risultato giusto?
    • “Se è arrivato è giusto. Avevamo ribaltato la sfida, lavorando bene la palla, ma è chiaro che dobbiamo capire che non si possono fare falli ingenui come è capitato poi in occasione del secondo gol. Sono cose che dobbiamo analizzare per migliorarci”.
  • Ha portato tanta tattica rispetto al passato. Come mai la sostituzione di Costa?
    • “Lui ha subito un pò di più il gioco sul terreno sintetico”.
  • Su Simeri c’è la cura Vivarini che sta funzionando alla grande.
    • “Kupisz nel primo tempo ha lavorato facendo poco reparto, subendo dal punto di vista difensivo e spingendo bene in fase offensiva. Se il reparto non funzione, neanche i singoli possono. Per gli attaccanti, si sta portando avanti un’idea di gioco importante, chiara, con tutti che posso svilupparla al modo migliore possibile, con Ferrari che può servirci nei momenti difficili”.
  • Bari mancato dalla cintola in giù.
    • “Specie nel primo tempo, dovevamo lavorare meglio. Ci siamo trovami messi male in alcune occasioni ed è questa la rabbia più grand che ho. Dobbiamo acquisire più velocità nell’impostazione e creare molto di più rispetto ad oggi. Nello spogliatoio, ho trovato tutti rammaricati per non aver vinto e quindi questo è positivo”.
  • L’Avellino può risalire secondo lei?
    • “Ci sono giovani molto interessanti. Hanno le possibilità per fare un campionato giusto. Con Di Paolantonio c’ho vinto un campionato a Teramo e sono contento per lui che sta mettendo in mostra le sue qualità”.
  • Antenucci.
    • “Spero di averlo in campo nel prossimo turno. É rimasto a casa anche per evitare la trasferta e ulteriori problemi con la schiena”.

KARIC – CENTROCAMPISTA AVELLINO
ILLANES – DIFENSORE AVELLINO

  • Sensazione per il gol.
    • “Ho chiesto a Vedrai (Celjak, ndr) di farmi un blocco, poi quando è arrivata la palla ho cercato di mettere in mezzo, ma poi ho segnato, va bene così”.
  • Cosa ha portato di nuovo Capuano?
    • “Lui ha spiegato quello che voleva che mettessimo in campo, e credo anche che abbiamo fatto bene, a prescindere dal risultato. Oggi abbiamo fatto benissimo, con l’atteggiamento giusto, dando il massimo”.
  • Con Alfageme, con cui hai un buon rapporto, come vive questo momento difficile?
    • “Luis è importante per questa squadra, è l’esempio per tutti. Sono giocatori d’esempio ed hanno un rapporto carino con tutta la squadra. Luis sta facendo il 100% e quando troverà il gol non si parlerà più di questo”.
  • Come stai? (per Karic)
    • “Ringrazio i dottori, sto bene, voglio scendere in campo in ogni gara perché c’ho una fame che non posso descrivere con le parole”.
  • Sulla spinta dei tifosi per voi e per la critica a Capuano.
    • “Noi andiamo in campo per fare quello che ci chiede il mister, ma fa paciere che i tifosi ci abbiano supportato, hanno fatto tantissimo”.
  • Sulla difesa inedita con cui si è chiusa la gara.
    • “Questo testimonia della buona volontà della squadra. Anche con una difesa inedita non abbiamo indietreggiato, diamo sempre il cento per cento”.