Avellino – Benevento, il derby visto da un tifoso giallorosso

195

Iniziamo subito con il precisare una cosa: domani ad Avellino si disputerà un derby.

Sì, proprio così, si tratterà di un derby.

Una partita che potrebbe segnare una svolta, l’ulteriore, nel campionato dei giallorossi. Un altro banco di prova, forse l’ultimo e decisivo test per saggiare davvero le potenzialità di questa squadra. Badate bene, non mi riferisco all’aspetto tecnico – tattico, su quello il Benevento ha già dimostrato ampiamente di essere tra le migliori formazioni della serie cadetta.

Parlo di qualcos’altro, di quel qualcosa che ti permette di avere una marcia in più; quel qualcosa che è in grado di portarti a vincere anche un match che non è come tutti gli altri; insomma, quel qualcosa in grado di farti vincere un derby. Sì, perché domani al Partenio andrà in scena un derby.

Domani affronteremo la partita con la consapevolezza di chi sa di potersela giocare, con 15 punti e qualche secolo di storia in più.

Domani affronteremo la partita con la consapevolezza di avere in rosa alcuni tra i migliori giocatori del campionato di serie B. Domani affronteremo la partita con lo spirito allegro di chi sa di poter guardare con gioia ed entusiasmo al futuro, piuttosto che doversi trincerare nel ricordo di un passato glorioso ma tremendamente lontano.

Domani affronteremo la partita con la consapevolezza che questo derby – sì, perché domani al Partenio andrà in scena un derby – potrebbe essere solo la tappa di un cammino storico. E, credetemi, parlando di storia noi beneventani…

A questa partita è legato il ricordo più bello dei tifosi sanniti. Quella corsa frenetica del nostro Capitano; l’essenza stessa del calcio: un concentrato di passione per i colori giallorossi, un sigillo indelebile all’amore di un uomo per la sua terra. Chissà Lui, il nostro Capitano, quanto sarebbe stato felice di giocare questa partita: il primo, storico derby, tra Avellino e Benevento in serie B.

Domani il derby. Un tripudio di colori sugli spalti, canti, sfottò e l’ironia che da sempre ha caratterizzato questo incontro. Novanta minuti che faranno trepidare i cuori dei tifosi di entrambe le squadre. Ma soprattutto novanta minuti che dimostreranno ancora una volta come Avellino e Benevento facciano della civiltà e del rispetto la propria cifra.

Di questo ne sono certo. Domani tra Avellino e Benevento vincerà prima di tutto lo sport. Poi, un attimo dopo, la Strega.