Avellino-Bisceglie, le parole del post-gara

48
Avellino, Bisceglie, Conferenza Stampa

Post-gara piuttosto amaro quest’oggi in quel di Avellino, dove si è assistito ad una sconfitta non demeritata da parte dei Lupi, sempre stati in gara e col pallino del gioco tra le mani o meglio dai piedi. Le pagelle dei biancoverdi, alla luce di questa prestazione comunque degna, non sono male, se non per qualche singolo elemento. Qui di seguito le dichiarazioni in conferenza stampa.

IGNOFFO – ALLENATORE AVELLINO

  • Rabbia e amarezza perché il gabellino recita solo occasioni per l’Avellino.
    • “Per quello che avevamo preparato, abbiamo fatto molto. Abbiamo preso gol per una piccola indecisione; non deve succedere. Non siamo stati bravi e cinici a sfruttare le situazioni create nella seconda parte”.
  • Non avete regalato 50 minuti agli avversari, facendo dei cambi con un pò di ritardo?
    • “La squadra ha sempre dimostrato di avere il suo equilibrio, non me la sentivo di cambiare un modulo con cui la squadra si stava comportando bene. É molto più importante l’interpretazione del modulo, non il modulo stesso; difatti con quattro punte non abbiamo fatto gol. Serviva più cinicità; diventa tutto più complicato quando poi prendi gol così”.
  • Nell’occasione del gol, la colpa va al portiere, ai centrali troppo aperti?
    • “Un errore c’è stato nella gestione della palla a metà campo. Quando l’attaccante corre col difensore, il portiere deve restare in porta perché in uscita mette in difficoltà i suoi compagni di difesa”.
  • Sfortunato l’Avellino con questo svarione difensivo. In questo momento non sta pensando che lì davanti siamo un pò leggeri, specie quando bisogna recuperare.
    • “Cerco di fare il meglio con i giocatori che ho; spero di poterli mettere nelle condizioni migliori. Sono giocatori che fanno parte di questa rosa e spero gli attaccanti migliorino al pari della squadra”.
  • Si rigioca tra tre giorni. Come stanno i ragazzi dopo oggi?
    • “Sono sicuramente delusi; li avevo messi in guardia sulla difficoltà di questo campionato. Sono contento perché sono batoste che fanno sempre bene, ma deluso perché potevamo fare meglio”.
  • Ci siamo adeguati ai loro ritmi; troppo lenti. La sconfitta ci riporta un pò con i piedi per terra?
    • “Abbiamo voluto andare alla ricerca del due contro uno sull’esterno, ma lo abbiamo fatto male; con più ferocia avremmo potuto parlare di altro”.
  • Si pone un problema di ordine strutturale per quanto riguarda il portiere?
    • “Sono errori che lui deve limare, perché se diventa una costante si deve fare un discorso diverso. Il ragazzo è giovane, ha fatto buone prestazioni, aspettiamo e vediamo”.
  • Come pensi di mantenere l’equilibrio tra entusiasmo e realtà?
    • “Abbiamo cercato di portarci dietro tutto quello che facciamo e ne facciamo tesoro, ognuno per quella che è la sua competenza. Ho visto sempre una squadra che non si è mai esaltata vittoria dopo vittoria, proviamo a crescere”.
  • Perché Zullo non gioca?
    • “Per scelta tecnica. Lo vedo più come alternativa a Morero lì in zona centrale”.

VALONI – ALLENATORE BISCEGLIE

  • Sono arrivate le risposte che ci si aspettava dopo le due sconfitte consecutive, con il Bisceglie in rado di tenere u buon ritmo fino alla fine.
    • “Queste brutte prestazioni erano un discorso di gioventù, siamo un gruppo molto giovane; è mancato questo, non lo spirito. Sono contento per i ragazzi e per i tifosi, dopo il risultato di oggi. Non è facile fare una gara del genere al “Partenio”; so cosa significa quindi chapeau ai miei ragazzi”.
  • Il Bisceglie ha dimostrato di sapersi imporre lontano da casa. Ora bisogna preparare bene la squadra nelle partite interne; si può fare lo stesso anche in casa?
    • “Se uno sa giocare a calcio, casa o trasferta non fa differenza. Nessuno ha la bacchetta magica. Il problema era che 29 giocatori su 30 erano nuovi”.
  • Una vittoria inaspettata, forse immeritata.
    • “Noi l’abbiamo voluta la partita, poi ci sono gli avversari. Attaccava sotto la sua curva, era normale fosse molto pericoloso. Ad Avellino è difficile giocare”.
  • Squadra ben messa in campo, studiando questo 5-4-1 molto mascherato.
    • “Questo schema di gioco è molto complicato; se sbagli gli avversari ti puniscono. Per questo devo fare i complimenti ai miei ragazzi. Se continuano così si può solo migliorare”.
  • Ci aspettavamo un Bisceglie un pò più arrendevole. Non ha avuto la sensazione di un Avellino poco pungente?
    • “Siamo venuti per prendere gli spazi sugli esterni, dove l’Avellino è molto forte in quella zona di campo. Partita di altissimo livello, da parte di entrambe le squadre, per questo faccio anche i complimenti all’Avellino, per come ha cercato di metterci in difficoltà”.

LAEZZA – DIFENSORE AVELLINO

  • Vittoria frutto di un pò di confusione.
    • “Il nervosismo è dovuto a questo. Abbiamo perso una partita per un singolo episodio a sfavore, questo da fastidio”.
  • Squadra forse meno pericolosa rispetto al solito.
    • “Per fortuna mercoledì si gioca di nuovo, possiamo riscattarci. Il Bisceglie ci ha impedito di giocare come volevamo, come sappiamo”.
  • Quanto fa male a voi questa sconfitta?
    • “Dobbiamo essere equilibrati, dobbiamo reagire. Si sbaglia ad alti livelli, possiamo sbagliare anche noi. Mercoledì dobbiamo giocare per vincere”.
  • Come inquadri l’Avellino? Sulla Curva che vi ha supportato fino alla fine.
    • “La Curva ci spinge a fare meglio, sia per noi che per loro. Possiamo fare un campionato buono, ma a testa bassa dobbiamo lavorare; così arrivano i risultati”.
  • Pensi che la squadra, piuttosto giovane, possa riprendersi da episodi come oggi?
    • “Su questo, sono i più grandi a dare un aiuto ai più giovani; è compito nostro”.
  • Un girone che ancora non si inquadra. Cosa è mancato oggi all’Avellino, specie negli ultimi 16 metri?
    • “Il campionato è difficilissimo; oggi è mancato solo il gol, nonostante abbiamo giocato fino alla fine. Colpa di un episodio che oggi ciecherei andato a sfavore”.