Avellino, bisogna ripartire. Con qualche volto nuovo?

63

Dovrebbero ripeterlo come un mantra in casa Avellino: vogliamo ripartire, dobbiamo ripartire. Dopo soli quattro punti raccolti nelle ultime quattro di campionato, ma soprattutto dopo la Caporetto di Civita Castellana ed il deludente pari con il Latte Dolce, è ora per la squadra di mister Graziani di cambiare marcia. Di sicuro bisogna farlo in campo, forse, anzi probabilmente, tutto dovrà partirà da dietro le quinte, con qualche acquisto immediato, pronto per puntellare una rosa, chiaramente non ancora pronta per gravitare nelle zone di vertice.

DIFENSORE – Priorità in difesa ad un centrale che possa sposarsi al meglio con le caratteristiche di Santiago Morero. Si sonda il mercato degli svincolati, ma quello del direttore sportivo Carlo Musa non è certo un compito facile. Tre i nomi sul tavolo:

  1. Jan Polak: natio della Repubblica Ceca, ha giocato anche con la maglia della Casertana e vanta esperienze anche con Juve Stabia e Cremonese.
  2. Filippo Capitanio: classe 1993, il centrale l’anno scorso ha giocato a Ravenna, rimanendo poi da questa stagione, svincolato.
  3. Luca Bruno: classe 1996 per l’ex Siracusa, dei tre sarebbe forse il profilo perfetto.

CENTROCAMPISTA – Se in difesa si sfoglia la margherita, a centrocampo i giochi sono pressoché chiusi: di qui a poco tempo, qualche giorno stando ai rumors, dovrebbe approdare il polivalente Alessandro Di Paolantonio. L’ex Teramo e Viterbese è dapprima una mezzala di spinta, con la capacità di adattarsi all’occorrenza in cabina di regia, ma anche sull’esterno. Graziani dunque potrà abbracciare un elemento che può rasentare la manna dal cielo per un centrocampo che forse ha bisogno di tirare un pò il fiato.

RECUPERI – Qualche innesto potrebbe arrivare anche dall’infermeria. Qualche elemento potrà infatti ritornare in gruppo con la squadra; ci riferiamo in particolare a Mithra e a Sforzini, le cui condizioni sono da valutare, ma che al momento lasciano discrete sensazioni.

Forse ci sarà qualche volto nuovo a dare il suo apporto in favore, ma in quel di Avellino l’obiettivo è soltanto uno: ripartire con una vittoria, una vittoria che contro il Monterosi (sempre vincente in casa, solo due goal concessi) varrebbe davvero un bel riscatto da parte dei Lupi.