Avellino chirurgico: 1-0 in trasferta all’Albalonga

79

Era una gara da vincere e contrariamente a quanto successo in passato, l’Avellino non ha sbagliato ed ha portato a casa tre punti fondamentali, su un campo davvero difficile come quello dell’Albalonga. Inoltre, il mezzo passo falso fatto da Lanusei e Trastevere, permette all’Avellino di risalire ancora la china.

FORMAZIONE

Bucaro schiera il suo Avellino ancora una volta il 4-3-3 e si affida subito al neo-arrivato Viscovo tra i pali, recuperando così una casella under in mezzo al campo. In difesa, complice la non convocazione di Patrignani, come terzino destro agisce Dionisi; coppia centrale costituita da Dondoni e Morero. A sinistra inamovibile Fabiano Parisi. Centrocampo a tre con Matute, Di Paolantonio e Buono, ergo nuova panchina per Gerbaudo, che settimana scorso aveva fatto la differenza da subentrato. In avanti, De Vena vince il ballottaggio con Sforzini e si prende il posto da centro-boa, mentre ai suoi lati agiranno Da Dalt e Tribuzzi, quest’ultimo di rientro dalla squalifica.

PRIMO TEMPO

9′ – Primo ammonito del match è Santiago Morero: su un angolo a favore, cerca il colpo di testa ma c’è una mano galeotta che il direttore di gara sanziona con il giallo.

Tanto studio da parte delle due squadre nei primi minuti. Tanti palloni giocati sulla trequarti e buona presenza sinora dei due portieri, specie per l’esordiente Aniello Viscovo, che finora sta dando alla retroguardia dell’Avellino una buona sicurezza.

13′ – Pericolo scampato per l’Avellino in seguito al pallone perso a metà campo da Di Paolantonio: l’azione di contropiede sfuma per il buon ripiego dei Lupi.
19′ – Buon taglio di Matute, ma il suo colpo di testa si perde sul fondo.
21′ – Fallo tattico per Buono che si becca un giallo completamente gratuito.
23′ – Bel filtrante di Di Paolantonio a cercare De Vena; quest’ultimo scivola sul più bello non potendo quindi impattare la sfera.
25′ – Buon cross di Tribuzzi che pian piano entra in partita: Iorio esce ed evita problemi all’Albalonga.

Sprazzi di Avellino fin qui, con l’Albalonga che ci mette del suo per impedire la costruzione del gioco nello stretto da parte dei Lupi, costretti spesso a giocare lungo.

27′ – Errore individuale di Dondoni che favorisce la conclusione di Corsetti, murato da un difensore avversario: brivido per l’Avellino.
36′ – Parata eccezionale di Viscovo che si presenta così: girata di Pippi e Viscovo che ad una mano mette in calcio d’angolo. Miracoloso.
43′ – Inserimento silenzioso di Di Cairano sulla destra; tocca a Parisi metterci una pezza con una carambola sul corpo dell’avversario, la quale porta ad una rimessa dal fondo.

Un minuto di recupero e fine del primo tempo. 0-0 e tutto rimandato alla seconda frazione di gioco. Si sapeva che sarebbe stata una gara difficile e tale è di fatto.

COMMENTO AL PRIMO TEMPO

Gara giocata molto di più sulla carta che sul campo. Mister D’Adderio ha studiato bene l’Avellino e lo schieramento dei suoi uomini sempre a chiudere il passaggio immediato verso il primo uomo libero causa non pochi problemi in fase di costruzione della manovra. In questo senso, moltissimi i cambi di gioco e di versante (non sempre precisi però) ad opera di Di Paolantonio. Altro fattore è la densità, con moltissimi uomini racchiusi in un fazzoletto quando si tratta della fase difensiva. Bene il regista col numero 31, un pò meno bene Matute che si trova coinvolto più in fase offensiva che di rottura palesando dunque i suoi limiti. Un pesce fuor d’acqua De Vena, davvero abbandonato a se stesso. Sottotono Da Dalt, un diesel Tribuzzi.

SECONDO TEMPO

Entra Capitanio al posto di Dondoni, vittima sul finire della prima frazione di uno scontro con la testa con Renan Pippi, con i due costretti a fasciarsi la testa. Per il numero 23 c’è addirittura la sostituzione.

2′ – Cross di Tribuzzi e testa di De Vena che gira la palla verso la porta: para Iorio.
3′ – Cambio fronte e Viscovo, contro sole e con un rimbalzo, riesce a deviare in angolo il tiro di Pellecchia.

Avellino era rientrato con un altro piglio, ben più arrembante rispetto alla prima frazione. Tutto effimero, visto che intorno al quindicesimo la gara torna a stagnarsi sui ritmi del primo tempo. Aumentano anche gli errori di imprecisione.

17′ – Giallo per Magliocchetti. Doppio cambio per l’Avellino: fuori Matute e Da Dalt, dentro Gerbaudo e Ciotola. Cambiano gli uomini ma non il modulo.
21′ – AVELLINO IN VANTAGGIO! – Ciotola e Gerbaudo confezionano una bella azione sulla sinistra; il cross del numero 8 in area piccola trova qualche tocco, ma l’ultimo è quello di Tribuzzi che ritorna a giocare e ritorna al gol. Da segnalare che poco prima il Latina pareggia con il Lanusei: emblematico.
24′ – Pellecchia mette a sedere Parisi e poi prova il sinistro da posizione defilata ma impossibile da lì inquadrare la porta; difatti la palla si accomoda sul fondo.
27′ – Altro cambio per l’Avellino: fuori De Vena, poco chiamato in causa quest’oggi, dentro Sforzini. Venti minuti circa per il Tagliagole.

30′ – Intervento dubbio in area su Ciotola, che resta a terra; spallucce per l’arbitro che non si avvede di un tocco falloso a prima vista piuttosto netto. Proteste vibranti e motivate da parte di mister Bucaro, troppo concitate per il direttore di gara che lo fa allontanare dalla panchina.
35′ – Gran recupero di Dionisi sulla destra e lancio chilometrico per Sforzini che mette sotto pressione Iorio: la carambola porta ad una rimessa dal fondo per la gioia dei castellani di Albano Laziale.
37′ – Grandissimo stacco di testa di Morero, che correndo anche all’indietro,  anticipa Pippi e sventa un pericolo per l’Avellino. Poi girata del numero 20 di casa che si spegne sul fondo.
41′ – Giallo per proteste per Dionisi, quest’oggi insormontabile.

44′ – Azione di rimessa dell’Albalonga con Corsetti: Morero in scivolata ed in area gli mette la museruola e sventa il pericolo. Cinque minuti di recupero.
46′ – Contropiede sprecato dall’Avellino con Sforzini che si fa murare la conclusione. Giallo per Gerbaudo, che salterà la prossima sfida, quella in casa con l’Anzio.
47′ – Lancio di Tribuzzi per Sforzini che da posizione defilata prova a chiuderla ma Iorio non si fa superare sul primo palo.
48′ – Giallo per fallo tattico di Tribuzzi e cambio per lui, che lascia il posto ad Omohonria.
49′ – Pallone alla disperata messo in mezzo dall’Albalonga, ma Viscovo la fa sua e mette le cose in chiaro.

Finisce qui: l’Avellino torna alla vittoria in trasferta. Era una partita fondamentale, uno snodo cruciale per la stagione e l’Avellino se l’è portata a casa. Una gioia finalmente anche per l’Avellino, che recupera due punti su Lanusei e Trastevere che chiudono le rispettive gare sul punteggio di 1-1. Un sole splendente per tutta la giornata sul campo del “Pio XII”, sole che continua a splendere anche nel post-gara per i colori biancoverdi.

Grandissima prestazione dal punto di vista atletico, ma anche dal punto di vista caratteriale dell’Avellino che ha lottato con il coltello tra i denti per portare a casa questi tre punti, fondamentali. Un plauso anche a Bucaro che ancora una volta pesca dal cilindro il doppio cambio Gerbaudo-Ciotola che in pratica hanno impacchettato la rete della vittoria finale realizzata da Tribuzzi.