Avellino: convegno sulla comunicazione in ambito sanitario

112

“La comunicazione nella sanità”, dibattito di qualità tenutosi ieri in occasione della giornata di formazione, presso il “Viva Hotel”, e curata dal consigliere dall’Ordine dei Medici di Avellino nonché direttore del distretto di Avellino, Armando Pirone.

A rimarcare l’importanza strategica della comunicazione all’intero del sistema sanitario sono stati il Presidente dell’Ordine dei medici di Avellino Francesco Sellitto, il direttore generale del “Moscati” Angelo Percopo e il direttore sanitario dell’Asl Emilia Anna Vozzella, nonchè il professore Cesare Gridelli, direttore del dipartimento oncologia della città ospedaliera.

Informazione e prevenzione sono state le parole chiavi dell’appuntamento formativo che ha visto una grande partecipazione di operatori sanitari.

La comunicazione in sanità – ha spiegato il Direttore del Distretto Avellino Armando Pirone – costituisce sempre più una variabile indipendente, in grado cioè di determinare una serie di ricadute sull’esito delle prestazioni erogate a favore della popolazione. La comunicazione coinvolge non solo il rapporto medico paziente ma tutto il sistema sanitario e in particolare le singole organizzazione sanitarie“. Per Pirone quella della comunicazione “è una problematica troppo sottovalutata o non considerata, se non marginalmente, dalle direzione strategiche: prova ne è la scarsa destinazione di risorse sull’argomento, sia per valutare l’impatto sul benessere dei lavoratori sia per l’assenza di gruppi di lavoro dedicati all’analisi dell’impatto organizzativo svolto dai diversi stili di comunicazione di un ente sanitario“.

Proprio sull’importanza della prevenzione, il direttore del distretto sanitario di Avellino, Armando Pirone, ha invitato i colleghi ad informare i propri pazienti che è sufficiente rivolgersi presso il distretto dell’Asl irpina dove sono attivi gli screening mammella, colon retto e pap test.

In conclusione Pirone ha sottolineato “la necessità di adottare innovativi ed efficaci modelli di comunicazione dei servizi e delle attività sanitarie per informare i pazienti con maggiore celerità e chiarezza“.