Avellino-Rende, le pagelle: non c’è mai fine al peggio

138

DIFESA

TONTI – 5.5 – Poco impegnato, risponde bene quando chiamato in causa; salva anche su un gol già fatto, deviando la sfera sulla traversa.
CELJAK – 6 – Molto di più nel primo tempo che nel secondo, affonda bene sulla fascia, trovando spesse volte anche un buon cross. In fase difensiva è un pò più spaesato.
NJIE – 5.5 – Rientra titolare dopo un bel pò, non si comporta male, ma neanche bene.
MORERO – 6.5 – Voto alto per lui stavolta, bravissimo a tenere i nervi saldi e pulito in ogni giocata.
LAEZZA – 6.5 – Per lui vale lo stesso discorso fatto per Morero, a maggior ragione che ha ricoperto ruoli diversi nella stessa gara.

CENTROCAMPO

DE MARCO – 5 – Molta corsa, tanto pressing ma poca qualità in fase di impostazione: garra da vendere per lui, ma non basta.
DI PAOLANTONIO – 6 – Sufficiente perché se non gioca lui la palla accade ben poco. Sbaglia il rigore che avrebbe potuto dare la vittoria ai Lupi.
ROSSETTI – 6 – Nel primo tempo è un pò abulico, nel secondo entra più nel vivo della manovra e procura anche qualche buona occasione. In crescendo dopo un paio di giornate no.

SILVESTRI – 6 – Entra con buon piglio e gioca anche qualche pallone interessante, ma non incide come potrebbe.
KARIC – 6 – Entra e crea qualche buona occasione: la sua verve sarà da sfruttare fino alla fine, nelle gare da qui a venire.

ATTACCO

MICOVSCHI – 5.5 – Poco cercato dai suoi compagni, avrebbe potuto incidere molto di più.
ALFAGEME – 4 – Altra pessima prestazione per lui: si è smarrito.
PARISI – 5.5 – Da ala non va bene, da terzino affonda poco: giornata di quasi riposo per lui.

CHARPENTIER – 5.5 – Colpisce una traversa che avrebbe portato una bella gioia: peccato, ma è di fatti, l’unico pallone giocabile che tocca.