Avellino – Rione Parco: Gran Concerto dell’Epifania 2019

74

L’associazione “Zenit 2000” di Avellino, presieduta dal M°Massimo Testa, inaugura il 2019  ad Avellino con il tradizionale Concerto Sinfonico Augurale in stile Vienna. Appuntamento Domenica 6 Gennaio alle ore 11.30, dunque, con il Gran Concerto dell’Epifania, per il settimo anno consecutivo presso la ridente e suggestiva Chiesa de “la Salette”, in Via Rotondi, grazie al consueto contributo oculato e attento alle esigenze artistiche della Comunità di Don Emilio Carbone. Il Concerto inaugurale della XIII Rassegna “I Tempi della Musica” sarà il modo migliore col quale l’associazione Zenit 2000 e il suo Presidente potranno augurare un radioso 2019 al competente e appassionato pubblico della città e della provincia.

Torna ad Avellino, a inondare il pubblico di buona musica, l’Orchestra Sinfonica di “Sofia Bulgaria Classic”, diretta dal M°Massimo Testa. Solisti d’eccezione, a dare l’ormai consueto tocco internazionale all’evento, i due giovani tenori cinesi YUAN XU e CHANG JIAO. In programma, tra le altre musiche, quelle di G. Rossini, G. Donizetti, G. Verdi, F. V. Suppé, M. Glinka, P.I. Ciaikovsky, per un omaggio globale all’opera italiana e al grande repertorio sinfonico europeo. Si chiuderà, come da tradizione viennese, con J. e J Strauss, in una trascinante successione dei più suggestivi Valzer e Polke.

Il M°Massimo Testa, bacchetta irpina di spicco del panorama locale e nazionale, inaugura il 2019 nella città natale con un impegnativo e beneaugurante programma sinfonico, dopo un anno d’intensa attività direttoriale, dedicata in particolare alla didattica, allo slancio e alla promozione delle realtà giovanili del panorama locale. Il 2018, inoltre l’ha visto impegnato in tournée direttoriali di ampio respiro, in Italia e all’estero, la più recente lo scorso novembre in Russia per dirigere “Il Barbiere di Siviglia” di Rossini presso il Gran Teatro di CEBOKSARY, e in attività continua sia direttoriale che didattica a cura del Conservatorio D. Cimarosa di Avellino, con l’obiettivo di dare slancio e riportare la Grande Lirica anche nel territorio cittadino.

Per il settimo anno consecutivo – ha dichiarato il M° Testa – regaliamo alla nostra Comunità un evento così affascinante e coinvolgente, ancora una volta quasi da soli e senza il Contributo dell’Amministrazione cittadina. Avellino ha bisogno di una ventata d’ottimismo e di allargare il panorama delle proposte culturali per aprirsi al pubblico esterno. Continueremo con l’associazione Zenit 2000 per crearne le premesse e perseguire l’obiettivo di una città al centro di grandi progetti culturali e non