Avellino sconfitto ma a testa alta contro il Latte Dolce

47

Impianto maledetto il “Vanni Sanna” per l’Avellino che ha provato in tutti i modi a cercare un pareggio che sarebbe valso oro, specie alla luce dei risultati maturati sugli altri campi, con il Lanusei sconfitto a Cassino ed il Trastevere fermato dalla Torres. Si è persa una battaglia, un’occasione ghiotta per poter recuperare, ma la guerra è tutt’altro che decisa. Avellino uscente a testa alta. Segue la cronaca della gara.

FORMAZIONE

Bucaro sceglie di coprirsi di più ed ecco rispolverato il 4-4-2. Inamovibile in porta Viscovo, la difesa a quattro vede Dionisi spostato a destra con Dondoni e Capitanio centrali; Parisi a sinistra in pianta stabile. Torna Di Paolantonio nella cabina di regia dell’Avellino, con Matute al suo fianco. Tribuzzi e Da Dalt sugli esterni. In avanti, scontata la presenza di De Vena, al suo fianco non Alfageme, non Sforzini ancora squalificato, ma Mentana: mossa a sorpresa da parte del tecnico dei biancoverdi.

PRIMO TEMPO

Prima del fischio d’inizio, un minuto di silenzio dedicato alla memoria di Luca Bomboi, assistente arbitrale 30enne scomparso in settimana a causa di un brutto male con cui combatteva da anni.

6′ – Sartor pericoloso con un bell’inserimento: Viscovo bravissimo a chiudere lo specchio.
9′ – Prova a rispondere l’Avellino con il sinistro di Di Paolantonio, debolissimo.
13′ – Triangolo Parisi-Da Dalt e passaggio chiave per Matute che calcia dalla distanza: palla che esce poco lontana dall’incrocio dei pali.
15′ – PALO AVELLINO – Sulla mancata spazzata da parte della difesa sarda, Di Paolantonio si coordina e calcia di prima intenzione, colpendo il legno alla sinistra di Lai.

Al quindicesimo, possiamo già dire che dopo aver preso un pò di confidenza con il terreno di gioco in pessimo stato, l’Avellino si sta approcciando alla gara con il giusto carattere, con la testa giusta. Bene così, ma beffa è che nel momento migliore dei Lupi, Sassari va in vantaggio.

22′ – VANTAGGIO LATTE DOLCE – Punizione magistrale di Palmas, che si era procurato anche il fallo. Viscovo la vede partire troppo tardi ed incassa gol sul suo palo.
30′ – Eccesso di personalità di Viscovo che si avventura in un dribbling di troppo su un avversario, rischiando tanto, ma riesce poi a recuperare.
36′ – Bella giocata di Da Dalt che va via palla al piede per 20 metri guadagnando punizione e cartellino giallo per un avversario. Sul prosieguo, viene vista una simulazione di Tribuzzi, ammonito, e squalificato via diffida per la sfida di domenica prossima con il Monterosi.

43′ – Giallo per Capitanio e Daga, il primo per cercare di recuperare il pallone che il secondo portava con sé, impedendo l’inizio del gioco.
46′ – Viscovo miracoloso sulla girata ravvicinata di Pisa: Avellino salvo dal 2-0.

Primo tempo che si chiude con il vantaggio di misura dei padroni di casa, una rete un pò accusata dall’Avellino, che era sempre stato in partita e che in sostanza aveva sempre avuto il pallino della gara in mano; difatti il Latte Dolce è avanti per la realizzazione di una punizione a firma Palmas. La possibilità di recuperare c’è, si vedrà nella seconda frazione.

SECONDO TEMPO

Nessun cambio nell’Avellino ad inizio della ripresa.

12′ – Azione insistita dell’Avellino con Mentana e Parisi che lottano per il recupero palla; Da Dalt poi crossa ma Lai ha gioco facile in uscita.
13′ – Avanzata di Da Dalt e cross dal fondo su cui si supera Lai; corner da cui non nasce nulla di buono, ma Avellino molto più arrembante.

Betti, Gerbaudo ed Alfageme dentro: escono Dondoni, Di Paolantonio e Mentana. Triplo cambio per Bucaro che prova a cambiare le sorti della sfida in questo modo.

16′ – Conclusione pericolosa di Tribuzzi, palla fuori di poco.
19′ – Altro cross pericoloso nel mezzo che attraversa tutta l’area: tutto fermo per un piccolo infortunio occorso a Lai.

Dentro anche Ciotola al posto di Da Dalt.

29′ – Avellino padrone del campo ormai con il Latte Dolce che si limita solo a difendere e a provare a ripartire. Cross interessante di Ciotola, ma Lai in uscita è onnipresente.
30′ – Sartor ci prova di testa, ma Viscovo è piazzato bene e para.
33′ – Destro debole di Ciotola, servito bene da De Vena: para Lai.

Bucaro si gioca il tutto per tutto e toglie uno spento De Vena ed inserisce al suo posto Pepe, pronto al riscatto dopo la scialba prestazione di domenica scorsa.

36′ – Colpo di testa di Alfageme che debolmente si adagia sul fondo del campo.
40′ – Fallo di mano di un difensore sul colpo di testa di Alfageme; proteste e Bucaro che viene fatto allontanare dalla panchina.
41′ – Alfageme prova di sinistro dopo un rimbalzo sbilenco: Lai risponde ancora presente.
44′ – Colpo di testa di Pepe con deviazione quasi impercettibile di un difensore avversario ed Avellino pericoloso: solo angolo.
49′ – Tiro di Tribuzzi con doppia deviazione che esce fuori di pochissimo: angolo da cui non nasce nulla. La palla non vuole entrare quest’oggi al “Vanni Sanna”.