Benevento, contrasto allo spaccio di stupefacenti: arrestato pusher 25enne

61

A seguito del decesso avvenuto, verosimilmente per assunzione di droga, la sera del 26 Agosto scorso a San Martino Sannita, i militari della Stazione di San Giorgio del Sannio hanno iniziato una serie di accertamenti finalizzati a risalire a colui che aveva venduto lo stupefacente al 48enne deceduto.

Gli accertamenti, consistiti in investigazioni tradizionali di osservazione e pedinamento, di serrata attività informativa, conducevano i militari ad un giovane beneventano, già noto nel locale ambiente dello spaccio.

Iniziavano mirati servizi di osservazione che confermavano il dinamismo del giovane e ieri pomeriggio i Carabinieri di San Giorgio del Sannio, a seguito di un articolato servizio di osservazione, notavano che P.D. 25enne di Benevento, nell’uscire di casa, faceva strani movimenti nei pressi del muro perimetrale adiacente al giardino della propria abitazione; il giovane si allontanava poi a bordo della sua autovettura per rientrare dopo breve tempo.

Dopo aver osservato compiutamente i movimenti dell’uomo, scattava il blitz dei Carabinieri che sequestravano:

  • 100 grammi di cocaina, suddivisa in undici involucri dal peso di circa nove grammi cadauno rinvenuti nel muro di contenimento del giardino;
  • 6 grammi di cocaina in un unico involucro rinvenuto nel vano scala del palazzo;
  • un grammo di cocaina ed un bilancino di precisione funzionante  occultato nel divano all’interno dell’abitazione;
  • quantitativo di polvere bianca tipo “mannite” utilizzata per il confezionamento delle singole dosi, rinvenuta nell’abitazione unitamente a vari ritagli di cellophane trasparente;
  • somma in contante pari ad euro 19.980 sequestrata perche’ ritenuta provento di spaccio.

Il dott. Toscano, sostituto Procuratore della Repubblica di Benevento, che ha coordinato le indagini, disponeva che l’uomo nella tarda serata venisse arrestato perché ritenuto responsabile del reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e trasferito presso la locale casa circondariale.