Benevento, Corona: nella gestione degli appalti si operi con trasparenza

162

“Per contrastare le presunte minacce al sindaco che confermano la centralità delle gare di appalto a Benevento, occorre operare con la trasparenza che invece manca”.  Lo afferma in una nota il presidente di Altra Benevento, Gabriele Corona

Il senso della lettera anonima con presunte minacce di morte, recapitata al sindaco Clemente Mastella – continua Corona – è tutto da chiarire ma di sicuro pone ancora una volta l’attenzione sugli appalti del Comune di Benevento. Nel caso specifico si tratta dei servizi cimiteriali già oggetto di vicende giudiziarie anche per collusioni tra amministratori, iprenditori e camorristi  e di un processo tuttora in corso che vede tra gli altri imputati anche l’ex assessore Luigi Scarinzi, oggi consigliere comunale di Forza Italia, e la coordinatrice del Settore Servizi al Cittadino, Annamaria Villanacci.

La gestione degli appalti della pubblica amministrazione e sempre materia delicata e per questo motivo varie norme imperative raccomandano, innanzitutto, il massimo della trasparenza sulle procedure e gli atti relativi alle gare. Per questa ragione, colpisce che nel caso specifico la Determina di affidamento definitivo dei servizi cimiteriali per 500.000 mila euro, ad una Associazione di due imprese di Varese e Napoli, non sia stata correttamente pubblicata sul sito web del Comune di Benevento.

Infatti, all’Albo Pretorio Online dell’Ente – continua il Presidente – è stata pubblicata il 19 luglio 2018 la Determina del Settore Servizi al Cittadino, con due numeri diversi: 1030 e 1031, ad oggetto “Aggiudicazione definitiva della gestione dei servizi cimiteriali ai sensi dell’articolo a favore della costituita ati tra depac societ cooperativa sociale a rl e a.g. costruzioni generali srl cig. 7427230815” (testo riportato fedelmente) ma l’atto non si legge perché la pubblicazione è stata annullata per due volte.

Sempre sul sito del Comune di Benevento, nella sezione “Amministrazione Trasparente” sono pubblicati gli atti della gara di appalto per “Affidamento Gestione Servizi Cimiteriali”, senza i verbali delle sedute, e con la Determinazione del Settore Servizi al Cittadino n. 379 del 13 luglio 2018 sempre relativa alla aggiudicazione definitiva dell’appalto per i servizi cimiteriali alla ATI DEPAC e A.G. Costruzioni Generali. E’ una Determina frettolosa, piena di errori e addirittura manca proprio la parte relativa alla decisione del Dirigente del Settore Servizi al Cittadino, Alessandro Verdicchio. Manca anche la firma per l’impegno di spesa e l’attestazione sull’affissione all’Albo  Pretorio.

Insomma – conclude la nota del Presidente – secondo norme ormai note e ribadite dall’ANAC, quella  Determina non può produrre effetti ma le ditte DEPAC e A.G. Costruzioni Generali hanno già avviato il servizio e qualcuno ha già pensato di intorbidire ancora di più l’attività politico/amministrativa del Comune di Benevento con la lettera anonima a Mastella.