Benevento, Forza Italia Giovani: si dimette il coordinatore cittadino Antonio Meoli

126

BENEVENTO – Pubblichiamo la lettera di dimissioni del Coordinatore cittadino – Forza
Italia Giovani Benevento Antonio Meoli.

“Nella seconda metà dell’700, Mary Wollstonecraft, la fondatrice del femminismo liberale europeo sosteneva:  Un’educazione perfetta è data dall’esercizio dell’intelletto, mirato a fortificare il corpo e a temprare il cuore: in altre parole, mettere l’individuo in grado di acquisire un’abitudine alla virtù, tale da renderlo autonomo.

Da qualche mese ho maturato una scelta dolorosa ma necessaria, quella di abbandonare Forza Italia, che ho il dovere di ringraziare proprio per avermi fornito le basi adatte ad analizzare i meccanismi e gli equilibri della politica odierna. Proprio in virtù del background acquisito in questo anno, ho deciso di dimettermi dall’incarico di Coordinatore Cittadino del movimento giovanile, per avviare un nuovo progetto politico nel Mio Sannio, infatti è in fase di start up un’associazione politico-culturale autonoma per discutere ed affrontare le tematiche e cercare di risolvere le problematiche del nostro territorio.

Ci tengo innanzitutto a ringraziare i ragazzi del Coordinamento Provinciale di Forza Italia Giovani con cui sono riuscito a stringere un buon legame, affrontando tante battaglie, ringrazio il Coordinatore Provinciale Evangelista Campagnuolo ed i sui Vicari Giovanni Carpinone e Gabriele di Marzo per avermi concesso l’opportunità di coordinare il Movimento Giovanile a Benevento insieme all’amico Raffaele Siciliano.

E’ stata davvero una scelta dolorosa, in Forza Italia Giovani lascio una famiglia, in particolare rivolgo un forte abbraccio alla compagine Socialista del Partito, con la quale ho appoggiato con tutto me stesso il Presidente Caldoro, mi rivolgo nello specifico a Raffaele Tibaldi e Renato Serpico ed abbraccio il Senatore Mino Izzo con tutto il suo staff.

Rivolgo i miei migliori auguri di buon lavoro ai giovani di Forza Italia perché il nostro territorio ha bisogno come il pane dell’interessamento dei giovani alla politica.

Prendo in prestito un estratto preso da “Il Buongoverno” del Presidente Luigi Einaudi: “Giustizia non esiste là ove non vi è libertà”, sono sicuro che agendo in piena libertà intellettuale riuscirò, continuando sulla strada della partecipazione politica, ad affrontare le tantissime sfide dietro l’angolo, ogni giorno con una maturità maggiore.