Bisaccia, piove ancora olio da pale: è polemica tra comitati e sindaco

219

BISACCIA – Ancora olio dalle pale eoliche, stavolta nel territorio del Comune di Bisaccia.

Già nello scorso marzo, come riportato dalle pagine de Lanostravoce (leggi qui), gli ambientalisti denunciarono il caso di una pala che perse lubrifucante in località Pero Spaccone, sulla “Toppa” del Formicoso, luogo teatro, una decina di anni fa, di un’aspra ma vittoriosa battaglia della popolazione contro la realizzazione della discarica. Stavolta, le torri che hanno accusato copiosa perdita di lubrificante dalla turbina sono tre e fanno parte di un insediamento posto proprio al confine tra il comune di Bisaccia e quello di Andretta.

L’olio risulta evidente sulle ali delle pale, annerite e unte in alcuni tratti. “Si tratta di un nuovo fenomeno che accade dopo quello che abbiamo denunciato mesi fa”, afferma Michele Solazzo, del coordinamento dei comitati dell’Alta Irpinia. “Oltretutto, stiamo parlando di pale alte novantacinque metri, che arrivano a centotrenta considerando il raggio del rotore: dunque, sono queste le dimensioni delle due strutture che sono andate in dispersione di olio su tutto il territorio circostante”. Un allarme, quello dei comitati ambientalisti, che torna dunque a suonare dopo pochi mesi: “Le società – prosegue Solazzo – dovrebbero operare attività di manutenzione con più circospezione, considerando anche che non si tratta del primo caso”.

Michele Solazzo
Michele Solazzo

Solazzo chiama in causa anche l’amministrazione comunale di Bisaccia, guidata da Marcello Arminio: “I sindaci dei comuni interessati, in questo caso quello di Bisaccia, dagli insediamenti devono operare il monitoraggio degli impianti stessi, anche in considerazione della preoccupazione dei cittadini rispetto ad altri fenomeni simili che potrebbero riguardare altre torri”. Anche perché le richieste avanzate dai comitati in ordine alla possibilità di considerare rifiuti speciali le perdite delle torri pare non siano state accolte: “Ad Andretta, nei terreni sottostanti alla pala che a marzo ha perso olio per una giornata intera, l’attività agricola è andata avanti normalmente, come se nulla fosse. Qual è la precauzione che si prende affinché il grano o il fieno coltivato venga immesso nel circuito alimentare senza conseguenze?”, si chiede Solazzo.

Marcello Arminio, sindaco di Bisaccia
Marcello Arminio, sindaco di Bisaccia

Puntuale arrica però la repilca del sindaco, Marcello Arminio, replica: “Non è possibile sapere quando ci sarà un guasto alle torri, né è possibile fare la guardia agli impianti. E’ cura dei gestori degli insediamenti evitare questi eventi, dal momento che causano inquinamento. Noi siamo e saremo intransigenti su questo, il nostro Ufficio tecnico ha prontamente e con disappunto segnalato il fatto alla società, ma è naturale che le macchine possono subire guasti. Un altro discorso sarebbe parlare della opportunità di realizzare insediamenti eolici in quel luogo”.