Calaggio fuori da aree di crisi, domani forum di Confapi: Regione lontana dall’Irpinia

183

AVELLINO – Aveva fatto rumore, la scorsa settimana, l’esclusione della zona Asi di Calaggio dalle indicazioni della Regione Campania sulle aree di crisi non complessa.

Un fatto che non è rimasto fine a se stesso, ma che ha prodotto il ritorno al centro del dibattito politico del tema dello sviluppo nelle aree interne della Campania. Rispetto a questo tema e ad altri affini, Confapi ha organizzato per domani mattina, con inizio alle ore 11, presso il Circolo della Stampa di Avellino, un forum con i giornalisti e i sindaci dei comuni che vengono serviti dalla zona industriale di Calaggio: un’area di 17mila abitanti, che va da Vallata fino ad Anzano di Puglia, passando per Lacedonia, Scampitella, Trevico, Vallesaccarda, Andretta, Bisaccia e Aquilonia.

Come si legge in un comunicato diramato dalla Confederazione della piccola e media industria privata, “verranno avanzate alcune proposte, partendo anche da una serie di cose concrete, come il protocollo sottoscritto con l’Università degli studi di Salerno che sarà spiegato nei dettagli”. Oltre ai primi cittadini, saranno presenti anche diversi imprenditori.

Giuseppe Solimine
Giuseppe Solimine

“La Regione non sembra più attenta come prima riguardo alle tematiche dell’Irpinia”, afferma Giuseppe Solimine, presidente della Confapi. “A Palazzo Santa Lucia abbiamo già sollevato il problema del rilancio dell’area industriale di Solofra e non abbiamo ottenuto risposta. Ora, insieme al polo conciario, portiamo all’attenzione anche la questione Calaggio. Logicamente, non vogliamo fare del lamento la nostra unica forza. Infatti, abbiamo una serie di idee e di proposte da sottoporre. Domani inizieremo a discutere dei nostri suggerimenti per lo sviluppo con i diretti interessati, ovvero primi cittadini e imprenditori”.