Montemarano, con i Carnevali riuniti irpini boom di presenze

196

A Montemarano il Princeps irpino ha sfilato con più di 500 figuranti, grande affluenza

Montemarano – Domenica 4 febbraio il Princeps irpino ha riunito sette Carnevali provenienti da Castelvetere sul Calore, Mercogliano, Montemarano, Serino, Capriglia Irpina, Forino, Borgo di Montoro.

A fare da padrone di casa il Carnevale di Montemarano a cui quest’anno è toccato riunire a sè tutti i figuranti dei carnevali che hanno aderito alla rete del Princeps irpino e che oggi è diventata una realtà consolidata.

Come ogni buon padrone di casa, Montemarano ha accolto tutti organizzando un momento conviviale dove la dimensione è stata quella familiare.

Grandissima l’affluenza, migliaia di persone sono confluite da ogni parte d’Irpinia e non solo. Più di 500 i figuranti che hanno sfilato per le strade di Montemarano portando musica e ballo in ogni angolo.

Montemarano

Così ha espresso la sua soddisfazione il direttore artistico, nonchè fondatore del Princeps irpino, Roberto D’Agnese:

«Siami estremamente soddisfatti per la riuscita di questa settima edizione del Princeps, quella che era una visione ora è una realtà. E’ un formula che funziona proprio perchè nasce dal basso, dall’esigenza del popolo. Dall’anno prossimo altri carnevali aderiranno alla rete. Voglio ricordare che il carnevale Princeps irpino non è un carnevale tradizionale, ma vuole essere un momento che aiuta la tradizione, è una vetrina della cultura popolare dell’Irpinia.

Grazie a tutti, ai 500 figuranti, a tutti i visitatori che accolgono questo evento con tanto affetto. Un forte momento di aggregazione tra generazioni. Dal punto di vista turistico la direzione mi sembra quella giusta. La dimensione del Turismo culturale è quella da praticare, ma anche il turismo mordi e fuggi è pur sempre un momento di respiro per le attività commerciali. A volte la critica a questo tipo di tursimo la vedo infondata, anche una giornata con un afflusso di duemila persone rappresenta una boccata di ossigeno per un paese».