Casertana-Avellino, le pagelle: i Lupi perdono il pelo ed anche l’onore

64

Ci sta perdere, ma non così. C’è modo e modo per perdere una partita, ma a quanto pare l’Avellino sa solo perdere in modo quasi imbarazzante. Solo due sufficienze, quelle di Njie e Laezza, poi dal punto di vista individuale, l’Avellino ha quasi fatto piangere, cosa che avviene se guardiamo al collettivo. La Casertana vince meritatamente, ed anche con troppa facilità, il derby e affossa ancora di più l’Avellino. Seguono le pagelle della gara.

DIFESA

TONTI – 5 – Al pari del suo collega che oggi si è accomodato in panchina, non è un portiere in grado di dare garanzie ai suoi compagni. Non può molto sui gol (forse), ma poi commette qualche errore, anche banale, vedi l’occasione per il 3-0 che nasce da un suo liscio.
ILLANES – 5.5 – In difficoltà come tutta la difesa, non lascia però a desiderare.
ZULLO – 5.5 – Troppa confusione nel reparto arretrato, sta a lui dover registrare la situazione. Oggi non c’è riuscito.
LAEZZA – 6 – Un calciatore encomiabile, perché fa il suo dovere e lo fa anche bene, seppure abbai giocato nella stessa gara in ben tre ruoli diversi. Affidabile.

NJIE – 6 – Entra bene e non si lascia mai saltare dai piccoletti lì davanti della Casertana. Forse è lui l’unica nota positiva di giornata.

CENTROCAMPO

CELJAK – 4 – Di sicuro il peggiore in campo. In entrambe le occasioni da gol, sono i suoi errori grossolani a spianare la strada ai Falchetti: nel primo gol, non si avvede del taglio di Origlia, nel secondo si fa mettere a sedere da Adamo come un bambino che gioca all’oratorio. Inguardabile.
DE MARCO – 5 – Non una gara indimenticabile per lui, che sostanzialmente mette in campo una prestazione anonima.
DI PAOLANTONIO – 5.5 – Non il solito regista che siamo abituati a vedere. Corre molto, ma spesse volte si è fatto prendere dalla frenesia, cercando di velocizzare troppo la manovra e sbagliando di conseguenza.
ROSSETTI – 4.5 – Partita nulla da parte del numero otto irpino. La peggior prestazione da quando è arrivato ad Avellino: troppo falloso.
MICOVSCHI – 4.5 – Qualche cross, tra l’altro sempre sbagliato, ma la gara del calciatore di proprietà Genoa si ferma qui. Male da esterno sinistro, poca roba quando alza il suo baricentro. Una delle poche gare sottotono da parte sua.

SILVESTRI – S.V.
KARIC – S.V.

ATTACCO

ALBADORO – 4.5 – Periodo nero per l’attaccante dell’Avellino, che forse risente della mancanza del gol. Anche oggi una prestazione scialba, che trova nel giallo incassato nel primo tempo il picco massimo d’emozione.
CHARPENTIER – 5 – Colpisce un palo all’avvio della gara, ma poi in sostanza la sua gara, come quella dell’Avellino, finisce lì. Vero che da solo non può far miracoli, ma non è neanche supportato come dovrebbe.

ALFAGEME – S.V.