Caso Abete, Alaia controcorrente: Iannuzzi resti ad Avellino

109

AVELLINO – Proseguono senza sosta gli sviluppi del caso che vedono coinvolto l’inviato irpino di “Striscia la notizia” Luca Abete (leggi qui). A parlare della vicenda, questa volta, è Salvatore Alaia: l’ex sindaco di Sperone va controcorrente ed esprime piena solidarietà al vicequestore Iannuzzi.

“Senza dubbio – scrive nella nota Alaia – non c’è alcun retro-pensiero rispetto alla frase incriminata, espressa in modo inconsapevole senza voler offendere nessuno; del resto, posso garantirvi che ho avuto il piacere e l’onore di conoscere il dottor Iannuzzi durante le mie proteste, anche estreme, per difendere i diritti dei cittadini e degli stessi lavoratori.

Una persona a modo – aggiunge Alaia descrivendo il vicequestore aggiunto Iannuzzi – disponibile ad  ascoltare e  comprendere le problematiche dei tanti manifestanti ( con in testa il sottoscritto) che in diverse occasioni hanno espresso il loro disagio  rispetto a delle vicende che riguardano la dignità umana. Battaglie che spaziano dal mondo del lavoro a quello della sanità passando per i trasporti. E in tutte queste operazioni anche con il contributo degli uomini della Digos, ha dimostrato grandi capacità nel suo operato, nella consapevolezza di svolgere un ruolo importante e fondamentale per l’ordine pubblico.

Dottor Iannuzzi – prosegue l’ex primo cittadino di Sperone – continui con il  suo operato ad Avellino perché abbiamo bisogno di persone come lei, scritto con la lettera maiuscola , che credono nelle Istituzioni e soprattutto sono dei veri servitori dello Stato. A questo punto,  basta con questa vicenda: le tragedie della vita sono ben altre.”

Intanto, proprio nella giornata di ieri, erano arrivate le scuse di Iannuzzi ad Abete (clicca qui), il quale aveva prontamente replicato (leggi qui) chiamando in causa il ministro dell’Interno Alfano.