Cassino-Avellino, le pagelle dei biancoverdi

158

Brutta ed ennesima sconfitta per l’Avellino, perdente anche contro il Cassino e scavalcato in classifica anche dal Monterosi. Una gara senza alcuna pretesa da parte dei Lupi, capaci di alzare la testa dopo il primo svantaggio ma falciati dal secondo vantaggio degli azzurri. Di lì, la gara era già finita.

DIFESA

VISCOVO – 5 – Non si mettono in discussione le doti del ragazzo. Incolpevole sul primo gol, dove esce anche bene, forse può qualcosa di più sul secondo. Deve far sentire la sua voce di più per registrare la sua difesa.

BETTI – 5 – In occasione della seconda rete degli ospiti si lascia sfilare alle spalle Ricamato, che lo ringrazia molto volentieri. Da un terzino con spiccate doti difensive, un errore del genere è inammissibile. Da rivedere.
MORERO – 6 – Partita nei canoni del capitano; unico aspetto negativo il nono cartellino giallo a suo carico da inizio stagione: troppi.
DIONISI – 6 – Solita partita di sostanza e sicurezza da parte sua; ineccepibile.
PARISI – 6 – Spinge e difende, fa bene il suo gioco, anche se altre volte lo abbiamo visto visto nelle vesti di una vera spina nel fianco. Costante.

DONDONI – 6 – Marchegiani gli dà il suo bel da fare e per poco non si lascia superare da un diagonale su cui Viscovo si arrabbia e non poco.
OMOHONRIA – S.V.

CENTROCAMPO

MATUTE – 5 – Fisiologico che in gare in cui si debba fare più gioco vada in difficoltà. Male dal punto di vista tecnico, sbagliando anche qualche passaggio elementare. Si può fare di meglio, senza alcun dubbio.
RIZZO – 5.5 – Partita nella norma del numero undici che aveva il compito di smistare il gioco con maggiore velocità. Esce claudicante, forse si è riacutizzato il problemino che lo aveva tenuto lontano dai campi in tempi recenti.
GERBAUDO – 5 – Discontinuo nelle sue prestazioni. Oggi, complice forse anche un problemino muscolare, non riesce ad incidere come vorrebbe e come potrebbe fare.

DI PAOLANTONIO – 6 – Voto politico per lui; entra al posto dell’infortunato Rizzo, ma non cambia volto alla manovra dei Lupi.

ATTACCO

TRIBUZZI – 5 – Primo tempo in ombra. Nel secondo si vede un pò più con il passaggio al centrocampo a quattro e con il rigore procuratosi. Dal suo rientro dalla squalifica, è evidentemente un pò sottotono.
DE VENA – 6.5 – Si fa vedere molto, anche se è ingabbiato dai tre centrali del Cassino. Infallibile dal dischetto, pressa molto ma da solo non serve.
DA DALT – 5.5 – Nelle ultime gare aveva dimostrato una manifesta superiorità, con giocate di fino ed utili; quest’oggi un pò più spento.
SFORZINI – 5.5 – Entra all’inizio del secondo tempo e porta una sferzata di energia, ma poi si spegne così come tutta la squadra. Un periodo no per il Tagliagole.
PEPE – S.V. – Tocca forse un solo pallone nel poco tempo che gioca. Gli diamo il bentornato, anche se avremmo voluto farlo in modo diverso, non con una sconfitta.

ALLENATORE

BUCARO – 6 – Capisce che c’è qualcosa che non quadra e cambia subito ad inizio ripresa schierando le due punte. Premiato dal pari raggiunto con cattiveria, forse l’unica colpa, magari non sua perché non è lui a scendere in campo, è l’incapacità di trasmettere ai suoi uomini il valore della cattiveria e della grinta, che se fa la differenza a livelli alti, figurarsi in categorie dove forse il mordente è tutto. Esce a testa bassa: un’immagine che vale più di mille parole.