Cimarosa Avellino, arrivano i “Wire”

56

Il Cimarosa di Avellino unica tappa nel Sud Italia della famosa Band inglese guidata da Colin Newman

Ad ottobre al Cimarosa di Avellino ci sarà una delle band più influenti della scena musicale internazionale degli ultimi 40 anni. Icona del punk inglese e della new wave post punk.
Hanno messo la firma su alcuni capolavori indiscussi come «Pink Flag», «Chairs Missing» e «154» e il prossimo 6 ottobre, alle 21:30, saranno nell’Auditorium del Conservatorio di Avellino per l’unica data al Sud Italia del loro Tour.

Stiamo ovviamente parlando dei WIRE, la band guidata da Colin Newman che, nel 2017 ha dato alle stampe l’ultimo album in studio «Silver/Lead», un insieme di canzoni che racchiude l’abbagliante ottimismo di «Diamonds In Cups», la grandiosità minacciosa di «Playing Harp For The Fishes» e il pop dal ritmo vertiginoso di «Short Elevated Period», solo per citare alcune tracce presenti nel loro ultimo lavoro discografico. Anche se il loro quindicesimo album in studio è stato rilasciato nel 40° anniversario del debutto, «Silver / Lead» non ha nulla a che fare con il passato ed è invece un lavoro totalmente proiettato verso il futuro.

Cimarosa

I Wire saranno ad Avellino per un concerto che si preannuncia straordinario, organizzato da «Fitz – Associazione culturale promozione eventi», guidata da Raffaello Pulzone e Luca Caserta che, per l’occasione, si avvarrà del patrocinio del Conservatorio «Cimarosa» e coinvolgerà gli alunni delle classi di Musica elettronica del Dipartimento di Nuove tecnologie e linguaggi musicali.

Dopo il successo di «Object 47» del 2008, «Red Barked Tree» del 2011 e delle ultime produzioni, i Wire hanno vissuto una seconda giovinezza. Considerati tra i precursori di un certo suono indipendente, sono diventati il punto di riferimento fondamentale per band europee ed americane contemporanee come Savages e Parquet Courts.

Oggi la band è formata oltre che da Colin Newman, da Graham Lewis e Robert ‘Gotobed’ Grey, oltre al nuovo chitarrista Matt Simms che ha registrato gli ultimi dischi della band dopo essere entrato in pianta stabile nel 2011.