Colle, Bersani-Monti: “Convergenza”. Berlusconi: “Attendo il Pd”. E vede Renzi

96

ROMA – Massima convergenza per l’elezione del nuovo Presidente della Repubblica.

E’ quanto è emerso, si legge in una nota di Palazzo Chigi, dall’incontro andato in scena nella residenza del presidente del Consiglio tra Mario Monti e Pier Luigi Bersani. “Massima convergenza” da ricercare tra le varie forze politiche, affinché ci si concentri su un nome che possa rappresentare l’unità nazionale.

La notizia dell’incontro tra il segretario democratico e il senatore a vita non smuove Silvio Berlusconi, che vede una “situazione assolutamente indeterminata”. “Attendo – ha aggiunto il Cavaliere, a Parma per la celebrazione dei cento anni dalla nscita di Pietro Barilla – una indicazione dal Pd, e spero che il nuovo capo dello Stato possa essere eletto al primo turno.

Proprio presso il Teatro Regio di Parma, il presidente del Popolo della libertà ha avuto un incontro di circa quaranta minuti con Matteo Renzi, al termine del quale entrambi hanno lasciato la saletta riservata profondendo ampi sorrisi. “Ma non si è parlato né di capo dello Stato né della situazione interna al Pd”, ha affermato il sindaco di Firenze, al centro di grandi polemiche con protagonisti di spicco del suo partito. Renzi ha poi aggiunto: “Se Berlusconi ha qualcosa da dire o da affrontare, la affronti con Bersani. Credo che l’importante sia fare presto”.