Coronavirus , Carnevale annullato a Benevento. Sibilia: “In Irpinia per ora non sono a rischio”

72

 

Domani niente carnevale a Benevento, lo ha affermato il sindaco Clemente Mastella durante il summint al Comune sul rischio Coronavirus.

“Non sono ci sono rischi in questo momento in Irpinia – ha invece dichiarato questa mattina il Sottosegretario all’Interno Carlo Sibilia, che ha incontrato il Prefetto Paola Spena a Palazzo di Governo – attendiamo ovviamente il vertice convocato per questo pomeriggio con Asl, Prefettura e Forze dell’Ordine, ma non roviniamoci situazioni che non hanno nulla a che fare con pericoli di contagio.  Bisogna avere tutte le precauzioni del caso, ma l’Irpinia non ha profili di rischio.  Ci sono cinque comuni attenzionati, ovvero Montefusco, Solofra, Lauro, Taurano e Casalbore. L’Asl è attiva al 100%, le persone che hanno fatto ritorno dalle zone a rischio sono sotto costante osservazione e sono stati monitorati anche tutti i contatti che hanno avuto. Ripeto, non c’è nessuna emergenza, ovviamente ci vuole sempre la dovuta attenzione ma siamo in grado di gestire la situazione”.

“Occorre ricordare – continua Sibilia- la situazione non va minimizzata, ma, ripeto, il tutto è sotto controllo, anche perché le persone che hanno fatto ritorno in Irpinia dalle zone dove ci sono i focolai della malattia, sono asintomatiche e non presentano nessun profilo di rischio”.

Il summit di oggi pomeriggio in Prefettura servirà a rendere note tutte le misure che si intenderanno adottare. Nel frattempo, si dovrebbero tenere regolarmente le manifestazioni previste per il Carnevale e le scuole non dovrebbero essere chiuse, anche se, in alcuni comuni, i sindaci hanno preferito non far svolgere le lezioni. “Voglio ripetere che le persone tornate dalla Lombardia non sono in situazione di rischio e non devono essere nemmeno sottoposte a tampone”, dice il sottosegretario. “Il virus in Irpinia non c’è, in ogni caso, così come tutto il Paese, la provincia di Avellino è pronta ad affrontare qualsiasi tipo di emergenza, ci sono le strutture e le professionalità adatte”.