Cusano Mutri, al via la III edizione di Scuola Viva

94

Cusano Mutri, continua l’attività di supporto all’offerta formativa scolastica con il programma Scuola Viva

È partito martedì 09 aprile presso l’IC “J.F. KENNEDY” di Cusano Mutri la III annualità del Programma Scuola Viva, con la quale si intende dare continuità all’implementazione di percorsi di rafforzamento dell’offerta scolastica e delle reti permanenti, capaci di promuovere l’innovazione sociale e l’inclusività per contrastare l’abbandono e la dispersione scolastica.

L’intervento, realizzato in partenariato con il Comune di Cusano Mutri, la PROLOCO CUSANO MUTRI e l’A.S.D. MATESE ESCURSIONI, prevede la riconferma dei moduli svolti nelle precedenti annualità, dato il successo riscosso sul territorio. Le novità di questa annualità riguardano infatti il rafforzamento dei moduli dedicati alla promozione educativo-culturale del territorio e al recupero e sviluppo di conoscenze, abilità e competenze legate all’apprendimento della matematica.

In quest’ultimo caso si punta al potenziamento dell’autonomia personale, sociale ed operativa; all’ampliamento dell’offerta formativa della scuola con un tangibile apprezzamento da parte degli alunni frequentanti e delle famiglie che avranno scelto per i loro figli la frequenza dei corsi post-scolastici. Soddisfazione soprattutto della Dirigente Scolastica, dott.ssa Giovanna Caraccio – la quale in una nota – comunica che grazie al Progetto, l’Istituto Scolastico aprirà ulteriormente le sue porte al territorio e alla comunità locale mediante iniziative che prevedono la sperimentazione all’esterno di nuove forme di espressione artistica e convivenza sociale. “Insieme per… III annualità” – continua nella nota la Dirigente – si pone l’obiettivo di rafforzare nei partecipanti il legame con la natura, e di accrescere il senso di appartenenza al territorio attraverso la conoscenza di tutti i suoi aspetti.

Soddisfatto tutto il gruppo di lavoro circa l’importanza dell’iniziativa “Alle giovani generazioni, che saranno i promotori ed i fruitori del territorio, è idealmente affidata anche la memoria storica e la conservazione di questo inestimabile patrimonio che è la nostra rete sentieristica”.