Cusano Mutri, inaugurato il Palazzetto dello Sport

555

CUSANO MUTRI – Si è tenuta nella giornata di ieri, nel comune di Cusano Mutri, la cerimonia di inaugurazione del nuovo Palazzetto dello Sport.

La struttura è stata intitolata alla memoria del cusanese Padre Dalmazio Mongillo. Padre Dalmazio è stato per anni figura di riferimento del dibattito teologico contemporaneo.

In un Palazzetto che ha visto la presenza di moltissimi cusanesi ed altrettanti atleti, la cerimonia è stata aperta dall’intervento del sindaco Giuseppe Maria Maturo.

Maturo ha sottolineato l’importanza di una struttura che consenta di poter praticare molteplici attività sportiva, ringraziando tutti coloro che hanno contribuito affinché l’inaugurazione fosse possibile. A seguire il toccante intervento di Liberato Mongillo, nipote di Padre Dalmazio, che ne ha sottolineato le profonde virtù morali. Un’ulteriore sottolineatura dell’importanza degli spazi pubblici dedicati all’attività sportiva è stata quella di Gino Nasti, vicepresidente nazionale della Filcam Judo

In seguito vi è stata la premiazione dei due elaborati che si sono aggiudicati la vittoria nel concorso letterario “Io Gioco Legale”. Il concorso ha visto la partecipazione dei giovani studenti dell’Istituto Kennedy di Cusano Mutri.

Poi ampio spazio alle dimostrazioni. Si sono esibite all’interno del Palazzetto numerose associazioni sportive: Asd Cusano Volley, Asd Mutria Sport, Asd Cusano Tennis, Asd Nicolangelo Fetto, Atletico Mutria Valle Titernina.

Durante le esibizioni vi è stata anche la consegna di un’importante onorificenza, legata al mondo del Judo, al maestro Nicolangelo Fetto. Il noto judoka cusanese è stato insignito, dalla Federazione Nazionale, dell’importante riconoscimento del “settimo Dan”.

Terminate le esibizioni il Sindaco ha proceduto a scoprire la targa dedicata a Padre Dalmazio.

Particolare soddisfazione nelle parole del consigliere comunale delegato allo sport Alfonso Topputo: “Una giornata di alto valore. L’inaugurazione del Palazzetto segna la fine di un percorso complesso ed articolato. Ora la comunità cusanese avrà a disposizione un luogo sicuro e all’avanguardia dove poter svolgere attività sportiva. Speriamo che ciò contribuisca ad implementare la già importante tradizione sportiva cusanese”.