De Luca e Franceschini firmano tre protocolli: l’Avellino-Rocchetta può ripartire

52

ROMA – L’Avellino-Rocchetta può ripartire, con finalità di promozione culturale, turistica e territoriale.

E’ quello che prevede uno dei tre protocolli d’intesa firmati ieri a Roma dal governatore della Campania, Vincenzo De Luca, presso il Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, con il ministro Dario Franceschini, il Presidente della Fondazione Ferrovie dello Stato Mauro Moretti e l’Ad di Rfi Maurizio Gentile.

Il primo protocollo, firmato con il responsabile del Mibact Franceschini riguarda l’elaborazione del Piano paesistico della Campania. “L’intesa tra Mibact e Regione serve a chiarire i vincoli paesaggistici esistenti e a delimitare la discrezionalità che le Soprintendenze esercitano al momento della valutazione di compatibilità”, recita il comunicato di Palazzo Santa Lucia.

“Servirà un grande lavoro attuativo – ha dichiarato De Luca – per mappare e omogeneizzare i vincoli esistenti e rimuoverli se divenuti inutili. Inoltre andrà specificato, dove necessario, la consistenza dei vincoli. Siamo per la tutela piena di un patrimonio paesaggistico storico artistico unico al mondo ma che deve coniugarsi con la possibile trasformazione del territorio per consentire alla architettura moderna e allo sviluppo di lasciare anche essi la loro traccia di civiltà come avviene nei Paesi più avanzati. La nostra è una società della competizione tra civiltà del passato e del presente, ma anche tra modelli di efficienza economia bellezze”.

Vincenzo De Luca
Vincenzo De Luca

Il secondo protocollo, siglato insieme al Mibact e alla Fondazione Ferrovie dello Stato, riguarda la valorizzazione e lo sviluppo di progetti integrati per la promozione del Polo Museale di Pietrarsa e dei siti archeologici di Ercolano e di Pompei. In sinergia con la Protezione civile regionale, l’obiettivo è il rafforzamento delle infrastrutture a servizio del Piano di Emergenza Vesuvio mediante la realizzazione di opere necessarie a consentire l’imbarco e lo sbarco di passeggeri presso il piazzale del Polo Museale di Pietrarsa. Inoltre è previsto lo sviluppo di sistemi di raccordo intermodale tra il Porto di Napoli e i siti di Ercolano e Pompei privilegiando i collegamenti marittimi e ferroviari.

Il terzo protocollo riguarda la riattivazione, come detto, della linea ferroviaria storica Avellino-Rocchetta S. Antonio con finalità di promozione culturale, turistica e territoriale.